martedì, 19 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Olbia, Giuseppe Marrone: ecco il sommelier a domicilio

Olbia, Giuseppe Marrone: ecco il sommelier a domicilio
Olbia, Giuseppe Marrone: ecco il sommelier a domicilio
Angela Galiberti

Pubblicato il 30 novembre 2020 alle 13:47

condividi articolo:

Olbia, 30 novembre 2020 - Nuovi mestieri in tempo di Covid? Ebbene sì: il virus aguzza l'ingegno, soprattutto in chi ha una grande passione e non vuole smettere di promuoverla. Giuseppe Marrone, noto sommelier olbiese, ha deciso di proporre in Gallura e in Sardegna un'idea che in altre Regioni spopola: il sommelier a domicilio. Vale a dire un vero corso di degustazione e di scoperta del mondo del vino, ma nella comodità della propria casa. Un nuovo mestiere a servizio della cultura del vino.

"Sono tante le persone che vorrebbero conoscere il mondo del vino, ma hanno timore o pensano che sia un mondo un po' elitario quando non è così. L'idea è quella di portare la cultura nel vino direttamente nelle case delle persone interessate con un mini-corso nel quale si inizia a conoscere questo incredibile mondo", spiega il sommellier Giuseppe Marrone. L'idea è semplice, ma allo stesso tempo originale: in tempo di Covid, i grandi eventi e i grandi corsi di degustazione non possono essere svolti, ma questo genere di micro-corsi - tenuti con il massimo rispetto delle regole anti Sars-Cov-2 (distanziamento, mascherine, solo ed esclusivamente appartenenti al nucleo famigliare) - possono essere una valida alternativa, molto più easy per le persone che, in una grande sala con tante persone, hanno paura di fare domande o di sbagliare.

"Si parte con la teoria, quindi un viaggio nel mondo del vino a tutto tondo. Poi, si passa agli aromi per sviluppare la memoria olfattiva. Tutti noi l'abbiamo, ma va stimolata e lo facciamo con questi aromi che poi ritroviamo nel vino. Infine c'è la pratica, con la degustazione alla cieca con le tre prove classiche: visiva, olfattiva e degustativa. L'obiettivo è far avvicinare le persone a questo mondo incredibile e, perché no, arrivare a fondare un club del vino che qua manca. Altrove sono diffusi: ci si riunisce, si organizzano viaggi per scoprire nuove cantine e nuovi territori, si fa cultura".

Da sempre si dice che il vino è un ambasciatore del proprio territorio, un vero e proprio moltiplicatore economico che riunisce sotto di sé aspetti apparentemente divisi: l'agricoltura (quindi la preservazione delle campagne), la tecnologia (le nuove tecniche di vinificazione e le professionalità ad esse legate), la cultura (arte, tradizione, gastronomia), i piccoli centri (a rischio spopolamento). Tutto questo passa anche attraverso la figura specializzata del sommelier che diventa ambasciatore di un prodotto, il vino, e dell'intero territorio che lo produce e il sommelier a domicilio porta tutto questo nell'intimità della propria casa.

Cronaca

Cronaca