sabato, 23 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca, Generale

Olbia, Aspo "braccio armato" del Comune: 270mila euro per marketing turistico e verde pubblico

Olbia, Aspo
Olbia, Aspo
Angela Galiberti

Pubblicato il 08 ottobre 2018 alle 13:09

condividi articolo:

Olbia, 08 ottobre 2018 - L'Aspo, la società municipalizzata gioiello del Comune di Olbia, è ormai il "braccio armato" dell'amministrazione Nizzi. Dove non sembra arrivare il Comune ci arriva l'Aspo con la sua potenza di fuoco e i suoi servizi a 360°.

Dopo il trasporto pubblico locale, la gestione delle aree di sosta, la segnaletica stradale, l'azienda guidata dal presidente e direttore generale Massimo Putzu si occupa di tantissimi altri settori. Settori, va da sé, cruciali per lo sviluppo della città a breve e lungo termine.

Oltre ad aver acquistato (nel 2017) lo stabile che, in Corso Umberto, ospiterà il Polo Universitario Olbiese, l'Aspo si sta occupando di verde pubblico, siti archeologici e turismo.

La potenza di fuoco della municipalizzata si può misurare dalla sezione "Bandi e gare attivi" in cui campeggiano tutta una serie di avvisi per gli operatori economici molto importanti. Oltre a quelli dedicati al settore del trasporto pubblico e della segnaletica stradale, spiccano altri avvisi e i loro relativi importi messi a bando.

Il primo avviso mette sul piatto 100.000 €, si è chiuso lo scorso 2 ottobre ed è dedicato all'Affidamento delle attività di progettazione e sviluppo turistico - Periodo 2018/2019. Con l'avviso, l'Aspo ha chiesto agli operatori economici iscritti nell'apposito elenco di 'manifestare' il loro interesse a questa importante gara d'appalto.

I requisiti erano precisi: iscrizione alla Camera di commercio, capacità economica e finanziaria dimostrata con il fatturato degli ultimi tre esercizi non inferiore "al doppio del valore stimato dell'appalto" (quindi 200.000 euro), mentre nell'ultimo triennio dovrà aver svolto servizi analoghi. L'Aspo sceglierà cinque operatori da invitare alla Procedura negoziata.

L'altro avviso è quello intitolato "Servizio manutenzione verde piazze, scuole e siti archeologici". Anche in questo caso si tratta di una manifestazione di interesse, scaduta il 27 settembre 2018, propedeutica all'invito di 5/10 operatori alla procedura negoziata. Il valore del servizio è di 60.000 euro più Iva e la durata del contratto è pari a 150 giorni a partire dalla firma dello stesso.

Il terzo avviso, scaduto lo scorso 6 luglio, si intitola "Servizio di manutenzione del verde cittadino": la durata del contratto è di 150 giorni, mentre il valore è di 110.000 euro più Iva. Anche in questo caso, l'Aspo sceglie dai 5 ai 10 partecipanti che poi accedono alla procedura negoziata.

In soli tre avvisi, l'Aspo ha messo sul piatto una cifra importante: 270.000 euro.