giovedì, 21 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Circo Martin a processo per maltrattamenti

Circo Martin a processo per maltrattamenti
Circo Martin a processo per maltrattamenti
Olbia.it

Pubblicato il 04 dicembre 2015 alle 11:15

condividi articolo:

Olbia, 04 Dicembre 2015 - Il sequestro degli animali del Circo Martin, avvenutotra l'Agosto e il Settembre 2014, aveva fatto decisamente scalpore. Grazie al materiale video e fotografico raccolto dalla LAV (Lega antivivisezione) e ai conseguenti esposti in Procura, il Tribunale di Tempio aveva dato il via al più importante sequestro di animali mai avvenuto sul territorio nazionale. Tutti gli animali del Circo Martin, seguito dalla Lav e dalle sue denunce sin dal 2008, sono stati sequestrati e consegnati alla Lega che, a Settembre 2014, li ha trasferiti con una sorta di Arca di Noè moderna in continente. Questa vicenda è approdata, alla fine, nelle aule di giustizia tempiesi per quel che riguarda il primo sequestro, quello avvenuto ad Arzachena, quando furono portati via dalle mani dei circensi un elefante, due dromedari, alcuni cavalli e un ippopotamo. Il pubblico ministero, Roberta Guido, ha ipotizzato il reato di maltrattamenti. Il Circo Martin si è sempre difeso respingendo con forza le accuse. Tra la Lav, soggetto a cui sono stati affidati tutti gli animali della società circense, e il Circo Martin non corre certamente buon sangue. I circensi hanno più volte ribadito di sentirsi perseguitati e hanno a loro volta denunciato la Lav per le modalità di trasferimento degli animali in continente. A far da sfondo a questa vicenda giudiziaria c'è, però, una società che sta radicalmente cambiando abitudini e che, forte di una sensibilità sempre maggiore, non gradiscepiù come una volta il circo tradizionale, preferendo gli spettacoli circensi in cui i protagonisti sono gli artisti umani.

** LE PRECISAZIONI DELLA DIFESA **

Cronaca

Cronaca