Friday, 21 June 2024

Informazione dal 1999

Annunci, Eventi

Biblioteca Olbia: l'archeologa Paola Mancini presenta "Sulle strade d’Ogliastra"

Per la prima volta a Olbia la nuova Soprintendente Arch. Isabella Fera

Biblioteca Olbia: l'archeologa Paola Mancini presenta
Biblioteca Olbia: l'archeologa Paola Mancini presenta
Patrizia Anziani

Pubblicato il 30 May 2024 alle 10:00

condividi articolo:

Olbia. Nuovo importante appuntamento con l'Archeologia.  Nel corso della rassegna letteraria "Primavera con gli autori 2024" Oggi, 30 maggio  alle ore 17:30 a Olbia presso la Biblioteca Simpliciana, sarà presentato l'ultimo volume di Paola Mancini dal titolo "Sulle strade d’Ogliastra Il complesso tardoantico e altomedievale di Fusti ’e Carca a Tertenia".

L'interessante volume di 224 pagine, edito da Taphros, accompagna il lettore alla scoperta del sito archeologico di Fusti ’e Carca a Tertenia, emerso durante i lavori di costruzione di un tratto della Nuova S.S. 125. Lo straordinario ritrovamento archeologico, da subito percepito come una risorsa e non come un ostacolo alla realizzazione dell’opera, ha visto il coinvolgimento in perfetta sinergia tra Enti (Anas e Soprintendenza), Imprese e Professionisti dell’antichità. 

 In questo volume, corredato da numerose fotografie a colori, il sito di Fusti ’e Carca a Tertenia, frequentato per un lungo periodo, almeno dal IV secolo a.C. fino alla metà del VI secolo d.C., si mostra in tutta la sua grande rilevanza.  Molte sono le importanti novità che a seguito dei lavori di studio degli addetti ai lavori sono state restituite alla comunità scientifica, a cominciare dalla scoperta di un tratto inedito di strada romana, ma tra tutte spicca il grande complesso di ambienti e di reperti che aprono uno squarcio di luce sul tardoantico e l’avvio dell’altomedioevo, in una fase molto delicata e tra le meno note della Storia della Sardegna.

Tertenia e Olbia, legate indissolubilmente da una strada

Durante la presentazione interverranno, per la Soprintendenza ABAP per le province di SS e NU, la nuova Soprintendente Arch. Isabella Fera e i Funzionari archeologi Gabriella Gasperetti, Enrico Dirminti.

Oltre all'autrice del volume interverranno gli archeologi Rubens D'Oriano e Giuseppe Pisanu.

Verrà proposto all'attenzione del pubblico un confronto tra il sito di Fusti e Carca e Olbia nelle varie epoche di frequentazione: Punica, Romana, Vandalica e Bizantina. Tante sono le similitudini e altrettante le differenze tra i due luoghi così distanti tra loro, ma è certo che una strada le univa indissolubilmente.

Il gattino Fusti 'e Carca

"In tutte le presentazioni di Sulle strade d'Ogliastra lui è stato protagonista e lo sarà anche oggi a Olbia - spiega l'archeologa Paola Mancini - Ricordo ancora l'emozione quando Barbara Wilkens mi chiamò per dirmi che tra le oltre 6000 ossa animali recuperate dal pozzo c'era un intero scheletro di un gatto vissuto intorno al 530 d.C. Il nostro gattino era stato molto amato durante la sua breve vita: chissà in quale triste evento aveva subito un infortunio alla sua zampetta ma era stato prontamente curato dal suo amico umano. Era però rimasto zoppo e purtroppo un giorno la sua zampetta claudicante lo ha tradito ed è caduto nel pozzo. Una storia triste ma dopo 1500 anni ci ha consentito di conoscerlo e il suo DNA ci ha rivelato la sua origine nordafricana e la sua immagine", conclude la Mancini. 
 
Appuntamento oggi 30 maggio 2024 alle ore 17:30

Per la casa editrice Taphros sarà presente l'editore Dario Maiore.