mercoledì, 12 maggio 2021

Informazione dal 1999

Politica

A Cagliari i cittadini scelgono le riqualificazioni e difendono le attività

Un sondaggio per il futuro di Sant'Avendrace

A Cagliari i cittadini scelgono le riqualificazioni e difendono le attività
A Cagliari i cittadini scelgono le riqualificazioni e difendono le attività
Angela Galiberti

Pubblicato il 16 aprile 2021 alle 14:09

condividi articolo:

Cagliari. Ricordate la pista ciclabile di via Mameli? Ricordate le proteste, pacifiche, dei commercianti e la non condivisione del progetto con attività e residenti? Bene: a Cagliari, capoluogo di Regione, decidono i cittadini che tipo di riqualificazione portare avanti. Una cosa che a Olbia sarebbe pura fantascienza (almeno fino ad oggi è sempre stato così, ma non eslcudiamo illuminazioni sulla via di Damasco dell'ultim'ora).

I fatti sono questi: il Comune di Cagliari, guidato dal sindaco Paolo Truzzu (che non è certamente di sinistra), ha deciso di sottoporre ai residenti di Sant'Avendrace un sondaggio per una riqualificazione che deve essere portata avanti in quella parte di Cagliari. I cittadini hanno avuto la possibilità di scegliere tra due opzioni: in una opzione, la strada rimaneva a doppio senso, ma venivano sacrificati circa 70 parcheggi; nella seconda opzione, si prediligeva il senso unico con tutti i servizi annessi, ovvero pista ciclabile, marciapiede per i pedoni e parcheggi per le auto.

Ebbene, i cagliaritani hanno votato e la maggioranza ha scelto l'opzione senso unico che salvaguardia tutte le utenze del quartiere: dagli automobilisti di passaggio ai ciclisti, passando per i residenti e i pedoni. Il tutto con verde pubblico a corredo. Per decidere il senso di marcia della strada il Comune analizzerà i flussi di traffico. 

Condivisione del progetto, obiettivi chiari e coinvolgimento della popolazione hanno certamente portato alla scelta del progetto migliore. A Olbia? Niente di tutto questo. Quando si dice: occasioni sprecate.