lunedì, 18 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Sardegna: il segreto della longevità nascosto nei denti

Sardegna: il segreto della longevità nascosto nei  denti
Sardegna: il segreto della longevità nascosto nei  denti
Laura Scarpellini

Pubblicato il 14 gennaio 2020 alle 12:05

condividi articolo:

Olbia, 14 gennaio 2020 - Che qui in Sardegna vi siano le condizioni climatiche ottimali per la nostra salute è fatto ormai risaputo. Il clima e l'aria sgombra dalle problematiche date dallo smog favoriscono di certo un benessere e spirituale. Inoltre è stato accertato da tempo che la genuinità dei prodotti locali poco raffinati e esenti dal bombardamento industriale, riescono a concatenarsi in maniera da creare una dieta alimentare che tutto il mondo ci invidia. Malgrado tutto ciò dagli ultimi studi emerge che il segreto della longevità del popolo sardo pare sia nascosto nei loro denti dei sardi. Recenti studi hanno preso in esame la placca dentale degli antenati dei sardi con l'intento di conoscere il segreto che permette agli abitanti dellaSardegna di vivere così a lungo. Le ricerche sono state portate avanti dal professor Germano Orrù del servizio di biologia molecolare dell’Aoudi Cagliari. Da quanto emerso dagli studi sembra che mangiando molte verdure e poca carne, sia possa arginare lo sviluppo di diverse malattie, specialmentequelle autoimmuni, croniche e cardiovascolari. A tali conclusioni sie è giunti studiando i i batteri presenti nei denti degli antenati sardi riportando così a quanto la dieta abbia da sempre influito sulla longevità di questo popolo. Inoltre gli studi hanno messo a confronto le abitudini alimentari tra i sardi di oggi e quelli di 150-200 anni fa. E' risultata evidente la correlazione fraciò che si mangia e le malattieche si possono contrarre. La comunità batterica che circonda il nostro corpo viene denominata microbiota, e nella bocca è costituita da più di 800 specie batteriche differenti.Il team di ricercadell’Università diCagliari, di cui fanno parte anchetre giovani ricercatrici,Eleonora Casula, Maria Paola Contu e Cristina Demontis hanno dedotto che il cambio delleabitudini alimentari dei sardi sono state determinanti negli ultimi decenni. Già in passato diversi studi avevano confermato che unadieta ricca di carne sviluppa certamente detti microrganismi. Infatti Il team di scienziati ha scoperto che nei denti degli avi dei sardi era presente una percentuale dibatteri anaerobimolto più bassa rispetto a quella degli odierni abitanti della Sardegna. A partire poi dagli anni 50 a oggi c'è stata una vera alterazione del microbiota del cavo orale. Quando un elevato numero di batteri attraversa le barriere tessutali entrando in circolo sanguigno, ecco che si viene esposti a malattie come l’artrite reumatoide, o a gravi patologie come l’aterosclerosi. Insomma da ora in poi i sardi avranno un motivo in più per sorridere, grazie alla loro infallibile dieta antica.

Cronaca

Cronaca