giovedì, 04 marzo 2021

Informazione dal 1999

Politica

Recovery Plan, idrogeno verde e collegamenti interni: ecco le priorità secondo Nizzi, Truzzu, Campus, Soddu e Milia

I cinque sindaci parlano del Recovery Plan

Recovery Plan, idrogeno verde e collegamenti interni: ecco le priorità secondo Nizzi, Truzzu, Campus, Soddu e Milia
Recovery Plan, idrogeno verde e collegamenti interni: ecco le priorità secondo Nizzi, Truzzu, Campus, Soddu e Milia
Olbia.it

Pubblicato il 15 febbraio 2021 alle 18:23

condividi articolo:

Olbia. Cinque sindaci, cinque città sarde, una sola opinione sul Recovery Plan: a parlare sono Nanni Campus (Sassari), Graziano Milia (Quartu), Settimo Nizzi (Olbia), Andrea Soddu (Nuoro) e Paolo Truzzu (Cagliari).

"Il Recovery Plan dovrà essere per l’Europa e per l’Italia non solo uno strumento per affrontare le negative conseguenze economiche delle misure di contrasto alla diffusione del coronavirus, ma anche un’opportunità e un’occasione per introdurre profondi mutamenti nel sistema economico e sociale. Ciò sarà possibile solo se prevarrà la capacità di indirizzare la spendita delle risorse su progetti credibili che possano davvero segnare un mutamento profondo e duraturo", affermano i cinque sindaci sardi.

"Anche la Sardegna dovrà partecipare a questo percorso, rifuggendo dalla tentazione di disperdere le proprie possibilità di proposta in decine di progetti di svariata natura. Da questo punto di vista pensiamo che ci si dovrebbe concentrare su un solo obiettivo: il superamento dei due principali svantaggi dell’Isola rispetto al resto dell’Italia e dell’Europa. Da una parte la difficoltà di interconnessione tra le diverse parti della Sardegna, dall’altra un sistema di produzione di energia costoso e obsoleto. A questo scopo è indispensabile la realizzazione di una rete ferroviaria veloce e integrata come unico strumento utile a creare una connessione profonda fra le diverse parti della Sardegna", proseguono i sindaci.

"Storicamente la difficoltà di mettere in relazione sistemica l’intera isola è sempre stato uno degli impedimenti maggiori alla crescita economica e sociale della stessa, il Recovery Plan potrebbe e dovrebbe essere un’occasione da non perdere - concludono -. Allo stesso tempo, sviluppare il grande potenziale dell’Isola nel campo delle fonti energetiche rinnovabili per la produzione da elettrolisi di idrogeno verde decarbonizzato che non solo consentirebbe un drastico abbattimento delle emissioni di CO2, ma anche, in una regione potenzialmente ricca di rinnovabili, di progettare un futuro totalmente privo delle medesime emissioni".