domenica, 25 luglio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca, Economia, Bianca, News

IMU agricola: ecco le scadenze e chi ha diritto alle esenzioni

Manca poco alla scadenza della prima rata Imu agricola, ecco le novità

IMU agricola: ecco le scadenze e chi ha diritto alle esenzioni
IMU agricola: ecco le scadenze e chi ha diritto alle esenzioni
Olbia.it

Pubblicato il 26 maggio 2021 alle 16:33

condividi articolo:

Sassari. Manca poco alla scadenza dell'Imu agricola e la CIA Nord Sardegna ricorda a tutti gli agricoltori soggetti a questa particolare tassa che la scadenza della prima rata è prevista il prossimo16 giugno con importanti novità.

Le scadenze per i versamenti IMU sono due, quella dell'acconto il 16 giugno 2021 e quella del 16 dicembre 2021 con il saldo.
 Come spiega in un comunicato CIA Nord Sardegna "L’imposta Imu dovuta ai Comuni si calcola in maniera differente a seconda che prenda in oggetto i fabbricati rurali strumentali o i terreni agricoli. I terreni utilizzati per l’agricoltura sono soggetti a due tipologie di esenzione: oggettiva e soggettiva".

"L’esenzione oggettiva riguarda tutti i terreni che sono ubicati nei Comuni Montani o nelle cosiddette aree svantaggiate. Per questi possessori non è richiesto il pagamento dell’IMU, indipendentemente dal fatto che siano agricoltori o privati cittadini. L’esenzione soggettiva riguarda invece gli agricoltori professionisti, categoria identificata dal fatto di versare contributi previdenziali come agricoltori. Questi soggetti non pagano l’IMU indipendentemente da dove sia ubicato il loro terreno. Dopo anni di scontri, una norma di interpretazione autentica pubblicata ad agosto dello scorso anno ha fatto chiarezza per gli Agricoltori Pensionati".

Sempre nel comunicato si leggge "Coloro che sono iscritti ai fini previdenziali e titolari di pensione che continuano a svolgere attività agricola non devono pagare l’Imu.
 Per quanto riguarda IMU sui fabbricati rurali strumentali, continua il comunicato "L’IMU per la componente ex Tasi si applica anche ai fabbricati rurali strumentali e quindi a rimesse, capannoni, fienili, agriturismi, stalle e serre. Non si applica invece all’abitazione posseduta dall’agricoltore e utilizzata come prima casa. I comuni hanno la facoltà di azzerare tale importo. La novità del 2021 con il DL Sostegni bis prevede l’esenzione del pagamento della rata IMU di giugno per quelle aziende che sono titolate a ricevere il contributo a fondo perduto previsto dal Governo. E cioè quelle aziende che hanno subito una riduzione del fatturato nel 2020 sul 2019 superiore al 30%, soprattutto le aziende agrituristiche e le florovivaistiche.