mercoledì, 27 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Alluvione, Olbia: lunedì si pubblica la graduatoria, ma i beni sono già stati consegnati

Alluvione, Olbia: lunedì si pubblica la graduatoria, ma i beni sono già stati consegnati
Alluvione, Olbia: lunedì si pubblica la graduatoria, ma i beni sono già stati consegnati
Angela Galiberti

Pubblicato il 12 gennaio 2014 alle 17:44

condividi articolo:

Olbia, 12 Gennaio 2014 - Non bastava avere i riflettori puntanti addosso a causa della gestione dell'emergenza: il Comune di Olbia, adesso, è sotto la lente di ingrandimento della popolazione alluvionata anche per come ha gestito la distribuzione dei cosiddetti "beni di ristoro". Lavatrici, stufe, elettrodomestici vari: oggetti indispensabili che rappresentano per ogni famiglia alluvionata il primo passo verso la normalità, verso la riconquista della propria vita e della propria casa. Nelle settimane scorse, il Municipio di Olbia ha visto lunghe file di persone che, pazientemente, aspettavano il loro turno per consegnare la stima dei danni. 1360 nuclei familiari hanno seguito le regole e hanno aspettato con pazienza l'arrivo di una lavatrice, di una stufa, di un forno. A quanto pare, però, i beni dati in beneficienza da alcune importanti ditte sono già stati consegnati e fioccano, giustamente, le polemiche. Il perchè è semplice: sin dalle prime ore, l'amministrazione comunale aveva giurato trasparenza assoluta sulla gestione dei fondi (e dunque, per estensione, anche sui beni di ristoro). Una trasparenza che, però, alla conta dei fatti è un po' opaca - almeno in questo caso. Solo domani, infatti, l'Assessorato alle Politiche Sociali pubblicherà - decurtata di alcune informazioni - la graduatoria per i beni di ristoro. A fare infuriare gli alluvionati è il criterio con il quale è stata redatta questa graduatoria: invece di considerare i danni realmente subìti, si è pensato solo ed esclusivamente al numero dei componenti del nucleo di familiare. E per di più si è pensato bene di pubblicare l'elenco dei beneficiari solo dopo la consegna, a cose fatte. A questo punto c'è da chiedersi a cosa serve pubblicare la graduatoria solo dopo la consegna. Chi non ha ricevuto nulla, nonostante la distruzione subìta, sicuramente non rimarrà in silenzio e chiederà conto delle scelte dell'amministrazione. Purtroppo, il dover fare in fretta può portare a compiere scelte sbagliate: questo potrebbe essere il caso del Comune di Olbia che, volendo aiutare i propri cittadini in maniera celere, si è affidata all'unico parametro "veloce" di valutazione.