lunedì, 18 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Olbia, polemiche su "S'iscuru". Smaldini: "avevamo proposto noi un progetto"

Olbia, polemiche su
Olbia, polemiche su
Angela Galiberti

Pubblicato il 08 ottobre 2017 alle 11:55

condividi articolo:

Olbia, 08 ottobre 2017 - "Delusi e amareggiati", così Andrea Smaldini - presidente dell'associazione che ha dato vita all'unica casa horror della Sardegna, l'Hunted House Red Rose - riassume i sentimenti provati da lui stesso e dai suoi ragazzi. L'oggetto del contendere? "S'iscuru", la manifestazione presentata con una nota stampa comunale qualche giorno fa dedicata ad Halloween: tre giorni di divertimento, streghe, paura, cibo da strada nel centro storico di Olbia.

La polemica. "Siamo molto delusi e amareggiati - dice Andrea Smaldini -. L'anno scorso abbiamo incontrato l'assessore Marco Balata e gli abbiamo proposto un progetto da realizzare nel centro storico di Olbia. Il costo era di circa 15mila euro, ma siamo scesi a circa 8mila perché sembrava che il problema fosse il denaro. Alla fine Balata ci ha detto che non c'erano soldi. Oggi scopriamo che l'amministrazione organizza una manifestazione molto simile alla nostra con una società che ha sede legale a Monza. Noi siamo di Olbia, i nostri ragazzi sono tutti olbiesi e la casa degli orrori, unica in Sardegna, è qua a Olbia. Avremmo investito tutto sul territorio e invece siamo stati snobbati".

L'Hunted House Red Rose è una casa degli orrori dove i visitatori possono vivere l'emozione di un vero film horror da protagonisti. Il set è nella villa sul mare che si trova nel terreno della Compagnia Corridoni. La casa è un vero set cinematografico con scenografie, trama, animatronix e comparse in carne e ossa. Il tutto è 100% made in Olbia e l'associazione ha sempre tentato di creare una collaborazione con il Comune di Olbia: prima chiedendo uno spazio, poi - l'anno scorso - proponendo un evento.

Cosa dicono i documenti ufficiali? A organizzare "S'Iscuru", si legge nella delibera di giunta numero 374 del 04 ottobre 2017 (nel comunicato stampa non si faceva alcuna menzione degli organizzatori, né del programma completo), è la società All Me Connection Srl con sede legale a Monza. Cospicuo il contributo del Comune di Olbia: 39.900,00 € che salgono a 48.678,00 € con l'IVA. Proponenti? Nella proposta di delibera approvata si legge che gli assessori proponenti sono l'assessore al Turismo Marco Balata e l'assessora alla Cultura Sabrina Serra.

"Quei quindicimila euro li avremmo investiti tutti a Olbia - continua Smaldini -. Non per essere presuntuosi, ma siamo gli unici in tutta l'isola a fare un lavoro del genere. Vengono da tutta la Sardegna per vivere l'esperienza horror alla Hunted House. Insomma, sappiamo il fatto nostro. Ci aspettavamo almeno di essere coinvolti visto che abbiamo cercato una collaborazione con il Comune". Secondo quanto riferisce Smaldini, gli organizzatori di S'Iscuru hanno cercato un contatto: "Ci hanno chiamato per proporci un piccolo allestimento all'interno del loro evento. Abbiamo gentilmente declinato l'offerta".

La conclusione di Smaldini è amara: "Per noi questa è una vera e propria ingiustizia e la cosa che mi dispiace di più è che i più delusi sono i nostri ragazzi". Ai posteri (anzi, ai lettori) l'ardua sentenza.

Cronaca

Cronaca