sabato, 23 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Olbia, il Ruralbus fa tappa all'Ipiaa: l'agricoltura è futuro

Olbia, il Ruralbus fa tappa all'Ipiaa: l'agricoltura è futuro
Olbia, il Ruralbus fa tappa all'Ipiaa: l'agricoltura è futuro
Angela Galiberti

Pubblicato il 07 novembre 2013 alle 11:33

condividi articolo:

ipiaa-rural-bus Olbia - Anche l'Ipiaa di Olbia ha ospitato all'interno della sua aula magna il team del Ruralbus, un progetto itinerante ideato dalla Rti Primaidea Srl/Mirror Spa e finanziato dall'Assessorato regionale all'Agricoltura. Il percorso del Ruralbus è composto da 80 giornate nelle quali verranno coinvolti 100 comuni della Sardegna. Lo scopo di questo viaggio è quello di promuovere il Piano di sviluppo rurale della Sardegna. In questo senso l'attività degli istituti agrari è fondamentale, per questo il Ruralbus ha fatto tappa anche all'Ipiaa si Olbia. Durante l'incontro, il team del Ruralbus ha esposto ai ragazzi diverse tematiche, in particolare le caratteristiche del Piano di Sviluppo Rurale e le sue opportunità, esempi di successo relativi ad aziende che si sono affermate sul mercato, educazione alimentare e all'ambiente. "Abbiamo deciso di accogliere il Ruralbus presso il nostro istituto Ipaa di Olbia, perché ne condividiamo l'idea di fondo, ben riassunta dallo slogan che accompagna l'iniziativa "Più qualità, più valore, più futuro dalla tua terra" - ha dichiarato il dirigente scolastico dell'Ipiaa di Olbia, Gianluca Corda - Non lo dico perché mi trovo nella condizione di Dirigente Scolastico di un istituto agrario, ma perché per convinzione personale, oltre che per storia familiare ( provengo da una famiglia che da generazioni lavora la terra), ritengo che l'agricoltura rappresenti il futuro, anche nell'ambito della valorizzazione della stessa per fini turistici. È evidente che voi ragazzi, scegliendo un istituto come questo, avete scelto di scommettere sulla nostra terra per costruire il vostro futuro. E sono convinto che con il vostro impegno ci riuscirete. Infine l'appello alla regione perché si faccia carico con iniziative come queste, di promuovere gli istituti agrari in Sardegna".