Da 301 giorni 14 ore 57 minuti 10 secondi questa testata è stata 'censurata' dal sindaco Nizzi per aver consultato i cittadini. Ecco i dettagli.

Auchan galleria Canali gift card 8-21 Dicembre 2018
Cronaca Gallura

Appello AGCI Gallura: “fermiamo il ddl di stabilità e l’aumento dell’IVA a spese del Welfare”

Auchan galleria Canali gift card 8-21 Dicembre 2018

Il grido di allarme che il presidente di AGCI Gallura, Michele Fiori, nella sua qualità di membro della presidenza nazionale di AGCI Solidarietà, lancia a nome del variegato mondo del non profit gallurese e sardo è lo stesso di Stefano Zamagni: «Per questo governo l’economia civile non esiste». Nei giorni scorsi l’ex presidente dell’Agenzia per le Onlus sul settimanale Vita aveva sostenuto: «L’Italia ha l’economia civile più avanzata e sviluppata in Europa e nel mondo, un Terzo settore che riflette una società civile organizzata di statura e livello. Sembra si voglia rinunciare a tutto questo»

Oggi in Italia sono circa 12.000 le cooperative sociali (oltre 1000 quelle iscritte all’Albo L.R. n.16/97 della regione Sardegna).

Auchan galleria Canali gift card 8-21 Dicembre 2018 300

E’ un settore che da lavoro a quasi 400.000 persone ed è in costante crescita negli ultimi anni, sia dal punto di vista numerico sia da quello occupazionale, e che ha infrastrutturato una rete di servizi di welfare che attualmente raggiungono circa 7 milioni di cittadini.

Il 70% del fatturato della cooperazione sociale arriva dagli enti pubblici, il 30% dalla domanda privata pagante, ovvero le famiglie.

L’art. 12 del Disegno di Legge di stabilità, ai commi 14-16, prevede che le prestazioni socio sanitarie, educative, di assistenza domiciliare o ambulatoriale o in comunità o simili o ovunque rese, in favore di anziani ed inabili adulti, tossicodipendenti e malati di AIDS, degli handicappati psico-fisici, dei minori, anche coinvolti in situazioni di disadattamento e di devianza rese da cooperative sociali e loro consorzi siano assoggettate ad aliquota del 10% e non più del 4%..

Si tratta di un aumento IVA del 150% che si inserisce in un contesto di previsioni normative volte alla riduzione della spesa per beni e servizi.

Tutti devono contribuire alla spending review, ma ci si dimentica che le cooperative sociali già hanno visto: nel 2012 una importante crescita della tassazione con l’introduzione dell’IMU (in precedenza era possibile per gli enti locali diminuire o azzerare l’ICI nei loro confronti in quanto ONLUS, ora non è più possibile); nel 2011 la tassazione al 3% gli utili portati a riserva indivisibile. A questo si aggiunga che sono già stati tagliati, o drasticamente ridotti, negli ultimi anni, tutti i fondi nazionali sulle politiche sociali.

Occorre quindi ricordare che l’impatto dell’aumento dell’IVA alle cooperative sociali non è accettabile; avrà una serie di effetti deprimenti per le famiglie, le stesse cooperative sociali e per le istituzioni locali, senza alcun vantaggio reale per lo Stato.

Gli enti locali non hanno risorse per far fronte all’aumento dell’IVA di 6 punti percentuali, quindi, con le medesime risorse del 2012, nel 2013 forniranno meno servizi sociali agli italiani.

Non vi sarà alcun aumento del gettito dall’incremento dell’IVA: l’unico effetto sarà quello di spostare risorse dagli enti locali alle casse statali.

L’aumento dell’IVA allargherà l’area dell’evasione e dell’irregolarità del lavoro (la cooperazione sociale in questi anni ha invece fatto emergere migliaia di posti di lavoro regolare nell’assistenza).

Si taglieranno i servizi di inclusione sociale alle fasce più deboli della popolazione, a chi non ha niente. Oggi la tenuta sociale del Paese è in gran parte garantita dai servizi offerti dalle cooperative sociali. Si può stimare che mezzo milione di cittadini vedranno ridotti o azzerati i servizi sociali di cui oggi usufruiscono.

Le cooperative sociali saranno ulteriormente stressate finanziariamente poiché fanno già fronte a ritardi di pagamento lunghissimi da parte degli enti locali, mentre sono puntuali nel pagare gli stipendi (grazie ad anticipazioni bancarie che costano il 6%).

Durante la crisi le cooperative sociali ed i loro consorzi hanno tenuto l’occupazione (sacrificando tutte le riserve) ed hanno poco utilizzato la cassa integrazione in deroga; ora con queste misure si profila uno scenario occupazionale catastrofico. Nelle cooperative sociali saranno tagliati circa 20.000 posti di lavoro che però potranno raddoppiare a 42.000 (*si veda in allegato) se si sommano gli effetti dei molteplici interventi sul Welfare, della riduzione del 10% dei contratti in sanità, delle problematiche ancora tutte presenti dei ritardati pagamenti della P.A. Oltre a produrre gravi problemi alle famiglie, tale incremento IVA avrà l’effetto automatico di ridurre i consumi di queste persone e quindi di ridurre la loro contribuzione fiscale.

A ciò si aggiunga un senso di frustrazione e rabbia dei soci cooperatori per quello che giudicano un accanimento dell’Esecutivo e dei sui rappresentanti.

Questo pericolo va immediatamente scongiurato al fine di tutelare una esperienza oramai consolidata e che il nostro Paese dovrebbe valorizzare e difendere a livello europeo. La cooperazione sociale italiana è il modello di impresa sociale più importante, diffuso e studiato a livello europeo.

La cooperazione sociale è un modello di impresa sociale che l’Italia dovrebbe valorizzare a livello nazionale e tutelare (oltre che diffondere) a livello comunitario, nello spirito dell’articolo 45 della nostra Carta, che “riconosce la funzione sociale della cooperazione” e “ne promuove e favorisce l’incremento”.

Pertanto facciamo appello a tutti i politici sardi presenti alla Camera e al Senato: occorre sopprimere all’art. 12, i commi 14, 15 e 16 della Legge di Stabilità.

 

.

 

Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia 1540
Phone Doctor riparazione smartphone tablet olbia sardegna via mameli damasco assistenza vendita
Idea Service Noleggiare auto olbia cagliari noleggio lungo termine mezzi commerciali aeroporto


Virali

Villaggio di Natale Golfo Aranci 2018
In Alto