Da 516 giorni 16 ore 50 minuti 55 secondi questa testata è stata 'censurata' dal sindaco Nizzi per aver consultato i cittadini. Ecco i dettagli, o leggi le notizie secondo LUI.

Edilmass orizzontale
Cronaca Sardegna

Sardegna, emergenza plastica: la natura continua a lanciare i suoi SOS

Nomasvello Olbia 1085

Olbia, 16 giugno 2019- In Sardegna continua l’emergenza plastica in mare, e non solo per gli esseri animali di grandi e medie dimensioni.  Lo scorso mese di marzo a destare lo sdegno di molti  era stato il tristissimo caso del  capodoglio spiaggiato a Cala Romantica, nei pressi di Porto Cervo, considerata una delle mete più esclusive per trascorrere le vacanze in Sardegna. Il capodoglio, in stato di gravidanza, era morto a causa dell’enorme quantità di plastica ingurgitata,  ben 22 kg durante il decorso della sua vita.

Sempre a marzo, e sempre a causa della plastica, nel cagliaritano erano state recuperate due tartarughe marine in difficoltà. Ma oggi dobbiamo avere la consapevolezza che anche i piccoli pesci possono diventare implacabilmente vittime dell’inciviltà e dell’irresponsabilità dell’uomo.

Morostesa 2019

Qualche giorno fa l’olbiese Tonino Ena, mentre faceva la sua solita ricognizione  proprio per raccogliere la plastica che arriva dal mare nei pressi di Cala Moresca, in Comune di Golfo Aranci, ha trovato questa bottiglia, che vi mostriamo, con dentro incastrato un piccolo pesce denominato vacchetta.

Un fatto sicuramente penoso che mostra che il pesce una volta entrato non è stato più in grado di uscire morendo così di stenti. Un triste messaggio di morte in bottiglia arrivato dal mare. Un altro SOS che la natura sta evidentemente lanciando.

In tanti stanno cominciando a rispondere concretamente al grido di dolore della natura.  Tante sono le azioni che in questi ultimi mesi hanno attuato singoli cittadini, associazioni di volontariato, capitanerie di porto, associazioni di sub, con pregevoli iniziative di pulizia delle strade, campagne, spiagge e dei fondali marini. Queste sono sempre state accompagnate da messaggi per sesibilizzare l’opinione pubblica, per educare le nuove generazioni all’importanza di non gettare rifiuti, ma conferirli, differenziandoli negli appositi contenitori.  

Molti sono inoltre le amministrazioni comunali della Sardegna che recentemente hanno emanato specifiche ordinanze per ribadire no alla plastica e alle cicche di sigarette in  spiaggia.

Vogliamo quindi chiudere l’articolo con un messaggio di speranza. Un messaggio di insegnamento che a volte può giungere dagli essere più indifesi, quello che ci giunge da un piccolo uccellino. Perchè se l’uomo è incivile, la natura a volte vi pone sorprendentemente rimedio. Il nido che vi mostriamo è stato ritrovato dall’oristanese Antonio Sulas nelle vicinanze di Bosa, la ridente cittadina sul mare della costa occidentale della Sardegna.

Un nido capolavoro, sembra quasi finto da quanto è perfetto nella sua semplicità. Un nido  realizzato anche con fili di plastica recuperata.  Ebbene sì, la natura, per chi lo vuole interpretare, ci stà lanciando un altro SOS, un suo messaggio,  perchè se l’uomo non è più in grado di fare a meno della plastica che almeno si impegni seriamente per il completo recupero e riciclo della stessa. 

Geasar Aeroporto Olbia destinazioni 2019 londra parigi amsterdam barcellona 1400
Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia 1540
Phone Doctor riparazione smartphone tablet olbia sardegna via mameli damasco assistenza vendita
Commenti


Virali

Prink 1400
In Alto