Saturday, 20 April 2024

Informazione dal 1999

Bianca, Cronaca

Sardegna, allarme natalità: fanalino di coda per i nuovi nati

L'indagine Istat

Sardegna, allarme natalità: fanalino di coda per i nuovi nati
Sardegna, allarme natalità: fanalino di coda per i nuovi nati
Olbia.it

Pubblicato il 01 April 2024 alle 06:00

condividi articolo:

Olbia. Da un indagine Istat riportata anche dall'Ansa emerge che la Sardegna resta ancora fanalino di coda per quanto riguarda il tasso di natalità: si diventa mamme sempre meno e più avanti negli anni rispetto al resto d'Italia. Nell'isola Il livello resta al di sotto di un figlio per donna per il quarto anno consecutivo, nel 2023 si posiziona a 0,91 figli (0,95 nel 2022). Questo è quanto emerge dal report sugli indicatori demografici, anno 2023 dell'Istat. ll Trentino-Alto Adige, con un numero medio di figli per donna pari a 1,42, mantiene il primato della natalità più elevata nel Belpaese.

A seguire Sicilia e Campania, con un numero medio di figli per donna rispettivamente pari a 1,32 e 1,29 (contro 1,35 e 1,33 nel 2022, un piccolo flesso rispetto all'anno precedente).
In queste tre Regioni le neo-madri risultano mediamente più giovani che nel resto del Paese: 31,7 anni l'età media al parto in Sicilia; 32,2 anni in Trentino-Alto Adige e Campania. La Sardegna e la Basilicata sono, insieme al Lazio, le tre regioni in cui il 'calendario' delle nascite risulta più posticipato, con età medie al parto rispettivamente pari a 33,2, 33,1 e 33 anni.