Friday, 19 April 2024

Informazione dal 1999

Cronaca

Olbia solidale: Libere Energie oltre Covid, sfida contro la povertà

Olbia solidale: Libere Energie oltre Covid, sfida contro la povertà
Olbia solidale: Libere Energie oltre Covid, sfida contro la povertà
Laura Scarpellini

Pubblicato il 12 June 2020 alle 23:02

condividi articolo:

Olbia, 13 Giugno 2020 - Nella città di Olbia si assiste da tempo ad una fervente attività di volontariato che è insita della natura sarda, sempre pronta a darsi da fare per il bene comune e nell'aiutare il prossimo.Tra le numerose associazioni di volontariato olbiesi troviamo l'associazione Libere Energie (A.L.E.) che nasce in città nel 2010. Il suo obiettivo è quello di operare a 360 gradi in favore di quella fascia sociale che purtroppo vive in condizioni di estreme povertà.

"L'associazione intende prestare un servizio di attenzione primaria direttamente nella strada, coprendo alcune delle necessità basiche della persona. A questo servizio si aggiungono gli interventi di accompagnamento per disbrigo pratiche servizio sociali, SerD, visite mediche/ ospedaliere. Uno dei nostri obiettivi inoltre è l’integrazione o reintegrazione nel tessuto sociale dei propri destinatari, senza cadere nell'assistenzialismo". Queste sono le parole di Ginetto Mattana fondatore e presidente dell'associazione."Ciò che Libere Energie vuole maggiormente offrire è qualcosa in più, dare quel senso di vicinanza, di ascolto, comprensione e amicizia che permette loro di riacquistate l’autostima e la speranza, da molti persa"

L'associazione Libere Energie in città ha affrontato l'emergenza Covid- 19, senza risparmiarsi: "Da parte nostra c’è stata un risposta immediata nel rispondere alle decine e decine di richieste di alimenti da parte di nostri concittadini mettendo in moto una macchina di solidarietà grazie oltre ai volontari ed il supporto di tanti cittadini e imprese con donazioni di cibo e denaro. Quello che ci ha colpito maggiormente è stato come la maggior parte dei richiedenti era gente non abituata a chiedere questi tipo di aiuto e lo facevano con timidezza e vergogna".

"La più grande soddisfazione per me - prosegue Mattana - è stata quella di vedere l’impegno da parte di tanti giovani (durante il picco erano 38) che si sono messi a disposizione per il servizio di volontariato, con un impegno di preparazione e distribuzione alimenti alle famiglie e il giro serale con il pulmino per a consegna delle merende per i senza tetto della nostra Città".

Il lavoro di tutti i volontari prosegue con grande impegno: "Nel momento della emergenza non abbiamo avuto molti problemi difficoltà, mentre adesso che abbiamo finito le risorse sì che abbiamo difficoltà, visto che già da un po’ non riceviamo donazioni per proseguire. Questa settimana purtroppo faremo poche pacchi spesa.Continueremo la nostra attività di assistenza in base alle risorse a nostra disposizione e allo stesso tempo stiamo riprogrammando quelle attività di carattere artistico e culturale che abbiamo interrotto con l’inizio emergenza".

Ma le iniziative dei volontari dell'associazione non si fermano, e sempre nuovi progetti sono pronti a prendere il volo come ci racconta ancora una volta il suo presidente Mattana: "Anche se al momento on abbiamo date confermate, le prossime iniziative saranno la quarta edizione dell'Open Day Olistico di beneficenza in collaborazione con la Scuola Sardinia Yoga Shala che si svolgerà come tutti gli anni presso della Villa Antonina a Baja de Bhas e l’evento SolidArte nella sua seconda edizione, evento che si svolgerà nella via Dante a Olbia".

Tutti possiamo portare avanti un'iniziativa solidale offrendo supporto a coloro che operano nel sociale con un piccolo gesto, che sarà sempre prezioso e di grande aiuto.