Saturday, 20 April 2024

Informazione dal 1999

Bianca, Cronaca

Olbia, auto abbandonate: "noi residenti non sappiamo dove parcheggiare"

L'ennesima segnalazione

Olbia, auto abbandonate:
Olbia, auto abbandonate:
Olbia.it

Pubblicato il 21 February 2024 alle 16:20

condividi articolo:

Olbia. Ancora una segnalazione sulle auto abbandonate in città. L'ultima arriva da un gruppo di residenti di via Barbagia, via Iglesiente e via Sarcidano. Sono tre vie che si trovano a due passi dal lungomare olbiese e vicinissime alle scuole superiori: il liceo classico e scientifico di Olbia. 

Si legge nella segnalazione inviata a Olbia.it: "Le vie in questione sono piene di auto abbandonate, con dentro sporcizia di ogni genere. Alcune, una Fiat Punto e una Fiat Panda, sono state lasciate nella via parecchio tempo fa, da una persona che abitava poco distante e che ora sarebbe andata via. Molte vetture sono state abbandonate da mesi, altre da anni, e la maggior parte è senza assicurazione. Sono ormai quasi distrutte, se non del tutto, e sono il segno di un forte degrado. Come se non bastasse, nella via ci sono già pochi parcheggi, e noi residenti ci troviamo a dover posteggiare le nostre auto da altre parti, spesso al molo vecchio, unici parcheggi disponibili".

"Ci pensate che dopo una giornata di lavoro famiglie intere devono girare nel quartiere alla ricerca di un posteggio vuoto, lontano da casa propria, con tutti i disagi che ne conseguono. Chiediamo una volta per tutte l'intervento delle forze di polizia per portare via tutti questi mezzi e far pulizia nella zona", gridano in coro alcuni residenti, stanchi della situazione attuale. 

Prosegue un cittadino: "Sono andato in comune e ho segnalato ai vigili urbani, ma nessuno fa niente, nessun intervento. Io stesso pulisco la zona, la strada, il marciapiede, ma spesso e volentieri sono obbligato a lasciare la mia auto lontano da casa proprio perchè i parcheggi disponibili sono occupati inutilmente. Se si continua a non fare niente tra residenti siamo giunti all'accordo di scrivere una lettera da mandare al Prefetto di Sassari", conclude.