Tuesday, 21 May 2024

Informazione dal 1999

Bianca, Cronaca

Olbia, al Community Hub su Web-Roch la musica si ascolta e si racconta

Ecco “PALKOSS” il programma radiofonico settimanale condotto da Antonello Cosseddu

Olbia, al Community Hub su Web-Roch la musica si ascolta e si racconta
Olbia, al Community Hub su Web-Roch la musica si ascolta e si racconta
Ilaria Del Giudice

Pubblicato il 14 April 2024 alle 06:00

condividi articolo:

Olbia. La funzione sociale di Web-Roch, la web radio del Community Hub, nonché cassa di risonanza a tutti gli effetti dell’intero progetto non è certo una novità. Ma spesso, la musica, proprio perché in radio è l’elemento principale, finisce per essere sottovalutata e viene così sì ascoltata, ma tuttavia poco raccontata. Non è questo il caso di Web-Roch che, nella lungimiranza della Proget Manager Maria Pintore, ha riservato uno spazio del suo palinsesto proprio per vivere la musica a 360 gradi, dando voce e modo di esprimersi agli artisti locali e non, per offrire un ulteriore servizio alla comunità. Con “Palkoss” il format settimanale condotto dallo speaker Antonello Cosseddu – spesso in collaborazione con Stefania Courson – anche la valenza sociale della musica è stata ristabilita. Obiettivo del programma radiofonico: presentare musica di qualità e approfondire tematiche ad essa collegate con i vari artisti ospiti in studio nelle varie puntate.

Antonello Cosseddu, il conduttore della trasmissione, è un appassionato di musica da tempo immemore. Racconta: “Provengo da varie esperienze musicali sin da ragazzo: ho suonato sia da solo che in vari gruppi la chitarra classica ed elettrica. Sono un musicista e ho composto anche diversi brani. Il mio background è quello di una passione per la musica in tutte le sue sfaccettature: suonata, ascoltata nei live e raccontata. Sono interessato all’universo musicale in generale e, dato che la radio fa parte di questo mondo in quanto prima di tutto musica nella sua essenza, ho deciso di avvicinarmi a questo settore per me nuovo e che sto apprezzando sempre di più giorno dopo giorno. Ciò che mi ha catturato della radio è questo aspetto di essere per sua natura strumento di diffusione dei vari generi musicali e mezzo attraverso il quale poter affrontare tematiche musicali e raccontare artisti. Il mio percorso in radio è iniziato in modo casuale, dopo aver visto l’annuncio dell’inizio del corso per diventare speaker radiofonico, cosa che mi ha interessato subito in quanto novità potenzialmente arricchente da un punto di vista personale. Ho così frequentato il corso con la massima umiltà, senza aspettative o ragionamenti su possibili sviluppi futuri, ma solo per il piacere di avvicinarmi a questo mondo e a una professionista del settore come Maria Pintore che, personalmente, reputo una certezza. Alla fine del corso, nel momento in cui mi si è presentata la possibilità di avere uno spazio nel palinsesto, l’ho colta al volo per approfondire e condividere, tramite lo strumento antico ma sempre attuale della radio, quella che da sempre è la mia passione: la musica, senza preclusione di generi musicali e che possa riguardare tutti gli spetti della vita ad essa collegati”.

Il nome del programma “Palkoss” fa riferimento al nome d’arte di Antonello “koss”, la parte finale del suo cognome. Ma l’intuizione di intitolarlo così si deve alla Pintore, che ha così voluto conferire al format uno spiccato ed immediato riferimento musicale. La trasmissione va in onda ogni settimana e le puntate sono estremamente varie: a volte prevedono ospiti che raccontano i loro progetti musicali, altre volte si affrontano tematiche specifiche a partire da eventi o ricorrenze. Alcuni degli argomenti vengono poi approfonditi da Stefania Courson che, data la sua competenza sul campo, in quanto scrittrice di articoli e recensioni per riviste musicali online, collabora inserendo, all’interno del programma, interessanti spunti di riflessione, pillole e curiosità. La trasmissione, che con tanto impegno e dedizione sta finalmente portando risultati, è in espansione e tra i suoi sviluppi futuri è previsto l’inserimento in playlist delle canzoni degli artisti intervistati e la realizzazione di podcast a partire dalle puntate.

Fare radio è un’esperienza che cambia. Ti aiuta anche nella comunicazione della vita quotidiana: diventi più svelto e impari i tempi della comunicazione, migliorando come interlocutore. È una scuola tosta e, nonostante il contesto del Community Hub si basi sul volontariato, il mondo della radio, così come concepito e impostato dalla responsabile Maria Pintore, ha tutte le caratteristiche tipiche dell’ambito professionale: non è un gioco anche se ci si diverte e viene sviluppato e portato avanti con un approccio serio che richiede impegno, dedizione e responsabilità - afferma Antonello e conlude - Con questi presupposti, sono fermamente convinto che sia un progetto destinato a crescere come logica conseguenza naturale”.

Dice di lui Maria Pintore: "Antonello è un musicista, per questo motivo ha ben pensato di dedicare il suo spazio su Web-Roch, alla musica. Con il tempo, ha colto l’essenza della comunicazione radiofonica, trovando la giusta chiave per far trasparire questa sua grande passione. Da qualche tempo si occupa anche della regia e del montaggio delle puntate. Sta gradualmente creando le basi per un futuro roseo. Il suo timbro vocale, molto gradevole, inoltre gli ha permesso di sperimentare l’utilizzo della voce per la realizzazione di spot pubblicitari, con discreto successo. Web-Roch, anche con lui, ha confermato il ruolo di incubatore di voci e di passioni.