sabato, 23 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Assl Olbia, Cgil denuncia: servizio trasfusionale in difficoltà

Assl Olbia, Cgil denuncia: servizio trasfusionale in difficoltà
Assl Olbia, Cgil denuncia: servizio trasfusionale in difficoltà
Olbia.it

Pubblicato il 16 dicembre 2019 alle 10:37

condividi articolo:

Olbia, 16 dicembre 2019 - Nuova forte presa di posizione della Funzione Pubblica Cgil gallurese sullo stato della sanità in Gallura: al centro dell'attenzione, questa volta, vi è il Servizio Trasfusionale della Assl Olbia. Un tempo considerato vera eccellenza regionale, il Servizio Trasfusionale vivrebbe momenti di difficoltà: la denuncia è di Luisella Maccioni, segretaria provinciale di Fp Cgil. "Il livello di guardia ormai sta raggiungendo il limite, ogni servizio sanitario della Asslgallurese oggi è in sofferenza; dai Pronto Soccorso ai servizi ospedalieri dagli ambulatori al servizio territoriale soltanto lo spirito di abnegazione del personale garantisce ilnormale svolgimento delle prestazioni sanitarie , in questo contesto il superamentodelle normative sui turni di lavoro e dello stesso CCNL sta diventando la "normalità"". si legge nella nota stampa. A tutta una serie di criticità, evidenziate nel corso del tempo dalla Cgil Gallura, se ne sarebbe aggiunta un'altra. "Alla lunga lista delle carenze vi è da aggiungere anche il Servizio Trasfusionale (fino a qualche anno fa una eccellenza nellaSanità Sarda), l’esiguo numero di medici in servizio (solo 5) l’assenza di un responsabile a tempo pieno, le carenze di personale infermieristico stanno mettendo in crisi unservizio fondamentale, che dopo il mancato rinnovo della convenzione con l’Avis perle raccolte di sangue con l’autoemoteca, gestisce, tra l’altro, con proprio personale equindi con il superamento delle norme succitate il servizio di raccolta", spiega Maccioni. "Per non parlaredel Centro Anticoagulante (TAO) ancora oggi gestito da un solo medico", aggiunge la segretaria provinciale. L'auspicio della Cgil è che torni al centro la tutela della salute in Gallura grazie alla centralità della sanità pubblica.