sabato, 24 luglio 2021

Informazione dal 1999

Politica

Vivere Olbia: ecco l'agenda di Francesco Gambella

Francesco Gambella è uno dei candidati della lista Vivere Olbia

Vivere Olbia: ecco l'agenda di Francesco Gambella
Vivere Olbia: ecco l'agenda di Francesco Gambella
Olbia.it

Pubblicato il 19 maggio 2021 alle 16:50

condividi articolo:

Olbia. Nuova sfida per il pluricampione Francesco Gambella, che ora torna in campo per presentare l'agenda di programma della lista Vivere Olbia per una una città pronta alle nuove sfide del futuro. Francesco Gambella, candidato nella lista Vivere Olbia per sostenere Augusto Navone alla carica sindaco nelle prossime elezioni comunali previste per il prossimo ottobre, ha in mente una Città di Olbia più solidale, green, coesa.

"Una realtà che vede nei principi dettati dall’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile - documento sottoscritto, il 25 settembre 2015, dai governi dei 193 Paesi membri delle Nazioni Unite, e approvato dall’Assemblea Generale dell’ONU – la propria tabella di marcia per segnare la svolta a partire da quest’anno" spiega Francesco Gambella.

"Diciassette punti per una sfida globale che, come un oceano composto da singole gocce d’acqua, devono essere fatti propri, oltre che dai governi dei Paesi, anche dalle molteplici comunità locali per raggiungere il più elevato livello di capillarità ed efficacia degli obiettivi fissati per questo decennio. Un arco temporale che si rivelerà decisivo per la salvezza del pianeta e che richiede, fin da subito, l’impegno di tutti noi" continua il canditato di Vivere Olbia.

"Per cui, Olbia 2030 sarà imprescindibilmente il fulcro del programma della lista Vivere Olbia e, quindi, della coalizione che sostiene Augusto Navone alla carica di Sindaco".

Francesco Gambella ha le idee chiare, ha girato il mondo, è un imprenditore e formatore. Olbia ormai è la sua città adottiva da tanti anni, una città in cui ha scelto di vivere e che ama fortemente, ma, come tutte le città in crescita, anche Olbia nasconde tante problematiche urgenti, che necessitano di risposte immediate. Ecco quindi che la lista Vivere Olbia propone "Un programma improntato sulla lotta alla povertà e alla fame, perché la nostra città, cuore pulsante economico del Nord Est della Sardegna, nasconde sempre più ampie sacche di povertà, situazioni di pesante emarginazione e disagio sociale. Dall’alluvione del 2013, fino all’attuale pandemia, il divario sociale continua ad allargarsi, e colmarlo, senza l’attuazione di adeguate misure di assistenza sociale, per le quali anche il semplice ascolto può fare la differenza, rischia di diventare impossibile".

Francesco Gambella prosegue con l'idea di una città più aperta: "Una visione aperta ad un’istruzione di qualità che passa necessariamente anche dalla cura dell’edilizia scolastica, dalla creazione spazi ricreativi, di aggregazione e di iniziative volte alla promozione culturale rivolta anche ai più piccoli".

"E prosegue con l’incentivazione di una coscienza green, con promozione di una pianificazione urbanistica moderna, sensibile, studiata anche per contenere gli effetti di eventuali calamità naturali – purtroppo sempre più frequenti per via del cambiamento climatico del pianeta – della concentrazione di traffico stradale e del conseguente incremento dell’inquinamento atmosferico, fino alla più semplice individuazione di nuove aree, all’interno dei quartieri cittadini da dedicare alle attività sportive, allo svago e alla socializzazione".

"Un’amministrazione, quella che ho in mente, che introduce l’utilizzo delle energie rinnovabili in tutti gli edifici pubblici e nel parco auto della società deputata al trasporto locale". 

"Capace di valorizzare un’imprenditoria 3.0, con incentivazione all’innovazione già nella fase di pianificazione degli appalti pubblici, e alla valorizzazione del “lavoro dignitoso e della crescita economica”, perché nessuno deve e dovrà restare indietro".

"Un nuovo approccio, quello che proporrò, ad una politica solidale, coesa e a dimensione internazionale. Solo così Olbia sarà pronta alla sfida ultima del 2030" conclude Francesco Gambella.