Da 95 giorni 11 ore 4 minuti 13 secondi questa testata è stata 'censurata' dal sindaco Nizzi per aver consultato i cittadini. Ecco i dettagli.

Sardares 1400
OLBIAchefu

Poesia. A sa ‘idda mia

Olbia, 29 agosto 2015

Avevo appena compiuto dodici anni quando i miei genitori decisero di trasferirsi definitivamente ad Olbia, cittadina dove mi recavo spesso fin da piccolissima per andare a trovare i parenti o per trascorrere qualche giorno di vacanza al mare. Amo profondamente la mia città d’adozione, dove sono cresciuta e ho stabilito tanti legami e amicizie fraterne,  ma sono altrettanto legata a Buddusò, il mio paese natale, dove ho vissuto la mia infanzia e ho appreso la mia lingua nativa, il logudorese. Sono spesso rientrata in paese per trascorrere il fine settimana o parte delle mie vacanze estive con gli amici di sempre e con i parenti. Ormai da diversi anni, pur essendo poco distante da Olbia, (solo sessanta chilometri!) mi reco in paese raramente, da quando la mia mamma e le mie care zie non possono più aprire la porta al mio arrivo ed accogliermi dicendo ” Acudida ses? Non ti pariat ora de torrare a domo? “. Al momento della mia partenza era sempre pronta una borsa contenente “seadas”, “macarrones lados”, “impanadeddas”, “culunzones” e “pane fine” , preparati da mia madre e dalle zie per me e per i miei fratelli. Mi accompagnavano alla porta dicendo ” No istentes a torrare! “. Io tornavo……

A sa ‘idda mia

 

‘Uddusò, sa cara ‘idda nadia,
in su Mont’ Acutu ben’assentada,
de campos e montes inghiriada,
ispantos mannos mi das ‘onzi ‘ia.

Sos montes altos e superviosos,
in ierru pinzellados de nie,
disiz”e apetigar’ una die
caminu ‘e mannos inzeniosos.

Eligas e suelzos seculares,
che alas ispalghent ramos umbrosos,
sos biddisos in nidos apozosos
cantant tot’umpare, parent compares.

Friscas abbas falant dae sas rocas ,
a su saludu proigat sabore,
‘antadas totue, faghet onore,
bis’ ‘e campare, alciamus sas brocas.

Rios chi pienant baltzas fungudas,
su pius atzudu in mar’ isfogat,
fizu de Ercole, sa foltza ‘ogat,
l’ant nadu grecos cun pinnas puntudas.

Abbitada in sa preistoria,
Ludurru, Borucca, finas Iselle
sa ‘ucca abberint tot’ in Loelle,
istranzos chi legent cuss’istoria.

Caput Tyrsy pro antigos romanos,
numene nou cantesit su puddu,
chi naraiat su logu est cuddu,
bellos contos nois amus in manos.

Sas crejas tuas tra sas pius bellas,
Santu Chirigu, ispagnolas artes,
pro Nostasia b’at de oro partes,
pro Reparada lughes che istellas.

Sas mentes fines t’ant donad’ onores,
sos fizos tuos sunt trabagliantes,
de sos istúdios sunt med’ amantes,
in med’iscièntzias b’amus dutores.

Tucone, poete, est in s’istória,
in piatas garas cun sos pius mannos,
s’ammentu sou pro mizas de annos,
li donamus lauru pro sa glória.

Sa zente tua est fort’ e abbista,
su granitu tou ratat su chelu
e cun s’oltiju non colat su gelu,
sos alimentos pro bona provista.

Sa pedra e sa linna faghen (e)s’arte,
iscalpeddos bonos e balentias
ant fat’ operas chi nos parent bias
e totu s’ispantant in donzi parte.

In banca si ponent bonos sabores,
dae sas mannas assentos antigos,
impign’ in coghina pro sos amigos,
istranzos coglimus cun sos onores.
A cabidanni sunt festas pro santos
chie podet torrat a bidd’amada,
sos ballos mannos sunt chena pasada,
a su sonete faghimus sos bantos.

Allegru sotziu semper faghimus
cun sas cumpanzas oras ispessadas,
in Carrera Manna sas passizadas,
a bidd’istimada tot’acudimus.

Sos caros mios tancad’ant sa polta,
in bisos mios b’est semper s’ammentu
de tempus passadu chena turmentu,
in su log’amenu fest”onzi ‘olta.

‘Uddusò, lughe de sa pitzinnia,
sunt de cabbale in su coro meu
ammentos de amore e de recreu,
ses terr’amada, ses sa zente mia.

Vanna Sanciu
Olbia, 04/08/2015

©
Traduzione
Al mio paese
Buddusò, caro paese natìo,
situato nel Monte Acuto,
circondato dai monti e dai campi,
quando ti rivedo si rinnova lo stupore.

Alte e superbe montagne,
d’inverno ricoperte di neve,
un giorno vorrei calpestare
i sentieri percorsi dai miei ingegnosi antenati.

Lecci e querce secolari
che spiegano gli ombrosi rami come ali,
i passeri nei loro nidi riparati dal freddo
cantano insieme, sembrano compari.

Dalle rocce sgorgano acque fresche
che giovano alla salute,
apprezzate da tutti, questo ci fa onore,
sperando di vivere a lungo, solleviamo le anfore.

Fiumi che riempiono bacini profondi
il più audace, il Tirso, sfocia nel mare,
figlio di Ercole, mostra la sua forza,
citato dagli autori greci Pausania e Tolomeo.

Abitato già nella preistoria,
Ludurru, Borucca, anche Iselle
si meravigliano tutti a Loelle,
i visitatori che leggono la nostra storia.

Caput Tyrsy per gli antichi romani,
il gallo cantò un nuovo nome,
che diceva il luogo è questo,
noi abbiamo delle belle leggende.

Le tue chiese son tra le più belle,
San Quirico, abbellita con opere di arte barocca,
Sant’Anastasia con i suoi preziosi mosaici in oro,
Per Santa Reparata meravigliose luci che sembrano stelle.
I tuoi cervelli ti hanno reso onori,
i tuoi figli sono bravi lavoratori,
molto amanti degli studi,
abbiamo dottori in molte branche della scienza.

Il poeta Tuccone è nella storia,
lui improvvisava nelle piazze con i più grandi poeti,
il suo ricordo rimarrà negli annali,
noi gli doniamo l’alloro, simbolo di gloria.

I tuoi abitanti sono forti e svegli
con il tuo granito si son costruiti molti grattacieli
il tuo sughero è un ottimo isolante,
si producono alimenti per fare le provviste.

La pietra e il legno fanno l’arte,
ottimi scalpelli e la bravura degli artisti
hanno realizzato opere che sembrano creature vive
e tutti si meravigliano ammirandole.

La tavola s’imbandisce con cibi saporiti,
abbiamo ereditato antiche ricette dalle nostre antenate,
prepariamo ottime pietanze per gli amici,
riceviamo gli ospiti con tutti gli onori.

Nel mese di settembre festeggiamo i nostri santi,
chi può rientra al caro paese,
si ballano le caratteristiche danze senza sosta
e facciamo i complimenti alla fisarmonica.

Ci ritroviamo in allegra compagnia
con le amiche di sempre e trascorriamo ore spensierate
passeggiando lungo il Corso principale,
torniamo tutti al paese amato.

I miei genitori non ci sono più, la porta della mia casa natale è chiusa,
nei miei sogni c’è sempre il ricordo
del tempo passato senza sofferenze,
in quel luogo ameno era sempre festa.

Buddusò, luce dei giorni felici della mia infanzia e della giovinezza,
sono di grande valore nel mio cuore
i ricordi d’amore e di divertimento,
sei la mia amata terra, sei la mia gente!

Vanna Sanciu
Olbia, 08/08/2015

Idea Service Noleggiare auto olbia cagliari noleggio lungo termine mezzi commerciali aeroporto
Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia 1540
Commenti


ASPO orizzontale
In Alto