lunedì, 23 maggio 2022

Informazione dal 1999

Generale, Salute

Olbia: rischia la vita perché non può rinnovare l'assistenza sanitaria

"Impossibile contattare l'ufficio competente"

Olbia: rischia la vita perché non può rinnovare l'assistenza sanitaria
Olbia: rischia la vita perché non può rinnovare l'assistenza sanitaria
Angela Galiberti

Pubblicato il 24 gennaio 2022 alle 12:00

condividi articolo:

Olbia. Torniamo a parlare dell'ufficio Scelta e Revoche dell'Assl Olbia, questa volta per una cittadina che rischia la vita perché non riesce a rinnovare la sua assistenza sanitaria. Si chiama I.S., è una giovane olbiese di adozione, ma con passaporto straniero, che vive da tanto tempo a Olbia: la sua assistenza sanitaria deve essere rinnovata ogni anno e la procedura prevede che a occuparsene debba essere l'ufficio Scelte e Revoche, competente anche per la scelta del medico o del pediatra.

Da circa un mese, I.S. tenta invano di contattare tale ufficio: nessuno risponde, non si riesce ad avere un appuntamento. "Io sono disperata, perché sono impossibilitata ad accedere alle cure salvavita, e nemmeno a fare le visite già programmate. Essendo straniera devo rinnovare l'assistenza sanitaria ogni anno, ma non posso farlo nemmeno online in quanto l'iscrizione la deve fare l'ufficio scelte e revoche", spiega.

La sua condizione di salute la obbliga a frequenti analisi e frequenti viaggi in "continente", ma senza assistenza sanitaria non può ottenere le cure né andare alle visite. Si tratta di cure importanti, non prorogabili, fondamentali per la sua vita.

La giovane donna le ha provate tutte: ha provato con l'identità digitale, ha provato con la Pec, ha provato anche ad andare di persona: il risultato è stato negativo.

"Ho provato cn lo SPID, ma non essendo piu nel sistema mi appare il messaggio di andare all'ufficio scelte e revoche. Ho provato ieri ad andare agli uffici ats ma nn mi fanno parlare con nessuno e non accettano nemmeno reclami - prosegue -. All'ospedale vecchio ho chiesto di parlare con il responsabile e il guardiano ha fatto finta di chiamarlo,ha detto che è in riunione e mi ha buttata fuori".

Lo stato della sanità è anche questo: cittadini e cittadine che hanno diritto a risposte e assistenza sanitaria che alla fine vengono abbandonati.

Le domande che ci poniamo sono tante:

  • perché è così difficile mettersi in contatto con questo ufficio?
  • l'Assl Olbia è in difficoltà a causa dell'emergenza Covid?
  • Se è in difficoltà per l'emergenza Covid e dirotta i suoi dipendenti su altre mansioni, perché non avvertire sul sito istituzionale (e tramite ufficio stampa)? Perché non creare una procedura diversa, ma che sia funzionale per i cittadini?