martedì, 19 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Olbia, percorso Covid che incrocia Laboratorio Analisi: Assl risponde ai sindacati

Olbia, percorso Covid che incrocia Laboratorio Analisi: Assl risponde ai sindacati
Olbia, percorso Covid che incrocia Laboratorio Analisi: Assl risponde ai sindacati
Olbia.it

Pubblicato il 01 dicembre 2020 alle 15:16

condividi articolo:

Olbia, 01 dicembre 2020 - La Assl Olbia risponde ai sindacati della funzione pubblica Cgil, Cisl e Uil in merito al loro comunicato stampa dedicato ai percorsi Covid all'interno dell'Ospedale Giovanni Paolo II e in particolare al percorso pediatrico.

"In relazione alla nota del 30/11/2020 a firma congiunta CIGL, CISL, UIL, appare corretto specificare come l'attenzione sia stata posta erroneamente, e per l'ennesima volta, ad evidenziare aspetti negativi non veritieri e lesivi dell'immagine di tutti coloro che in questi mesi si sono adoperati per consentire la massima funzionalità dell'Ospedale in termini di sicurezza dei lavoratori e di risposta al bisogno di salute", si legge nella nota Assl.

"I percorsi evidenziati nella nota, oltre ad essere stati validati dagli organi competenti ed in particolare dal Servizio di Prevenzione e Protezione ASSL Olbia, sono in essere da marzo 2020, e nell'ultima revisione sono stati ulteriormente rivisitati e approvati, garantendo la massima sicurezza possibile. Tutto l'Ospedale risulta essere soggetto a continue procedure di sanificazione, sia ordinaria che straordinaria, ogni qualvolta lo si ritenga necessario, ovvero ad ogni passaggio di pazienti positivi. Inoltre, si evidenzia come tutto il personale sia stato edotto circa i percorsi attraverso la pubblicazione periodica su intranet, e, lo stesso, sia stato invitato a non transitare nei luoghi segnati fatto salvo assoluta necessità", sottolinea l'azienda sanitaria.

"Il transito nei corridoi, considerati percorsi misti e, come già evidenziato continuamente sanificati, non è di per sé fonte di rischio e risulta comunque inevitabile per accogliere il paziente nelle varie fasi diagnostico terapeutiche.Si vuole inoltre ricordare che il ruolo di principio fondamentale è quello di garantire il diritto alla salute di chi soffre, indipendentemente dalla patologia che lo affligge nel rispetto della sicurezza del lavoratore. Quest'obiettivo è stato raggiunto e lo dimostra il fatto che ad oggi, il "Giovanni Paolo II" di Olbia rappresenta l'unico Ospedale che non ha interrotto la sua attività durante questa logorante Pandemia, con un limitato numero di operatori positivi all'interno del suo organico", conclude la direzione sanitaria.


Cronaca

Cronaca