Da 712 giorni 4 ore 5 minuti 13 secondi questa testata è stata 'censurata' dal sindaco Nizzi per aver consultato i cittadini. Ecco i dettagli, o leggi le notizie secondo LUI.

Spesati orizzontale pellet
Cronaca Olbia

Olbia, passato e futuro dei tatuaggi: arte antica tra storie e passioni

Bacchus 1085

Olbia, 13 gennaio 2020 – Il mondo dei tatuaggi è in continua evoluzione seguendo tendenze, moda, e la tecnologia.

Principalmente sono 3 gli aspetti che determinano i nuovi corsi: il colore, la parte del corpo interessata dall’arte del tattoo e  la forma e il significato dei tatuaggi stessi.

Spesati article pellet

Dal web ci arrivano indicazioni che lasciano presagire una nuova tendenza per il 2020  verso i micro tatuaggi realizzati ad esempio tra le dita o dietro l’orecchio. Piccoli ma molto significativi come frasi, disegni e soprattutto scritte cinesi. Molto gettonati saranno  i disegni semplici o tatuaggi geometrici. Una novità invece saranno gli innovativi tatuaggi con volume 3d. Questo  nuovo tip richiede  però l’impiego di tecnologia di ultima generazione che permette di aumentare il rilievo del disegno simulano lo spessore.

Inutile dire che in fatto di tendenze quelle vere verranno  lanciate   dai personaggi famosi  come le grandi star della musica,calciatori o attori di Hollywood che detteranno le mode all’ultimo grido.

I significati poi che si assegnano al tatuaggio sono fin troppo personali per poterli elencare tutti: chi si tatua un cane per  rendere omaggio al suo amico a quattro zampe.chi il pesce che rappresenta il nostro subconscio e le nostre emozioni; il gatto con la sua allure di mistero; le rondini  tra gli animali più richiesti per la loro corrispondenza di libertà.

Ma nella nostra città di Olbia tra studi tatto e artisti che operano  durante gli eventi a tema, il mondo dei tatuaggi è in continuo fermento. Ce ne parla Chris Varchetta titolare  di HDPIERCING family Olbia:
“I piercing, dermal e dilatazione sono la nostra anima trainante e poi certo   i tatuaggi . Da noi  si respira la passione con tutto quello che  circonda  il mondo dei tattoo con l’immancabile harley Davidson, muscle car e bici cruise”.

Anche se il mondo dei tatuaggi e colmo di stereotipi molto spesso questi decadono con una semplice visita negli studi che sono dei microcosmi intrisi di passione e  tanto lavoro duro.

Chris Varchetta inizia a raccontarsi: “Nemmeno 16 enne decido di farmi un tatuaggio il problema che qui in Sardegna non c’erano tatuatori  per cui mi affidai ad una tizia famosa nel settore, a  Porto Rotondo. Era tanta l’emozione di avere quella scritta alata nel braccio. Ai tempi ero uno dei pochi della mia età ad avere un tatuaggio e per me non era una cosa così  da nulla.Era un inizio incredibile perché era il logo del mio credo: l’ Harley Davidson. E dopo qualche tempo con il  mio amico Giuliano   facemmo da cavia per i tatuaggi più nuovi, sotto la sguardo severo di mia madre. Era considerato  una cosa da galeotto  farsi il tatuaggio. Nel  2009 ero già con due figli e un mutuo alle spalle ma prima da autodidatta e poi attraverso i corsi  inizia la mia avventura come tatuatore”.

A quanto pare il motore principale rimane sempre la passione per i lavori
che ci accompagnano per tutta una vita. 
“Non abbiamo una richiesta particolare per quanto riguarda i soggetti qui a Olbia. Uno di noi esegue il   realistice traditional ma perlopiù new traditional. Quello che posso dire è che   in tanti vogliono le mani tatuate e soprattutto le dita  che non è molto semplice  perchè  il pigmento non rimane a lungo. Il nostro corpo e tatuabile il 95% il 5% sono le dita sopra e di lato, le mani sotto e anche sopra i piedi e gomiti. Certo è che  a chi ha intenzione di farsi un tatuaggio noi consigliamo di pensarci bene e partire in punti del corpo. Ben ponderati  al di là delle mode del momento”.

E Chris a questo proposito ci fa vedere  i suoi  di tatuaggi  eseguiti da più di 10 artisti che stanno a significare ciascuno   una passione, un ricordo piacevole oppure un dispiacere ma anche un messaggio di speranza ed incoraggiamento a se stesso.
Gli chiediamo cosa consiglia a  chi abbia voglia di mettersi in gioco come tatuatore: “Chi vuole oziare questo mestiere  non fa per lui. Sono tempi duri oggi e veramente tosto perché in giro ci sono dei mostri veramente bravi con delle mani e un talento innato, però il consiglio che mi sento di dare  e quello di crederci sempre  mettendoci cuore e passione.

Prosegue Chris emozionandosi  quasi  quando racconta di aver creato il suo studioper dare un servizio di qualità ad Olbia e lasciare un futuro ai  suoi  figli.  Una presenza nell’ambiente ormai da oltre 10 anni la sua in cui cerca di far capire ai giovanissimi il rispetto per il proprio corpo,  e di non forarsi  dal primo che capita. Massima attenzione per igiene e malattie che il piercing o tattoo possono sempre  veicolare se non trattati adeguatamente.
“Oggi i ragazzi pensano solo alla moda, ma poi  sta a noi professionisti spiegare le varie difficoltà che si possono incontrare quindi mai prendere un tatuaggio alla leggera  che non lo puoi più cancellare, ma anche un piercing mai sotto gamba perché e più semplice di quanto si pensi farsi del male. Sono fortunato ad avere con me  tatuatori validissimi e grandi artisti come Marco Pasqui e Francesco Tudini  per i quali c’è gente disposta a fare tanta strada per finire sotto le loro mani. La nostra Gallura pulula di artisti che ormai eseguono delle vere e proprie opere d’arte sul corpo umano”.

Anche Giuliano Piccinnu  di Gangsta Tattoo di Olbia è una realtà che la dice lunga sul mondo dei tatuatori a Olbia: ” Son cresciuto nell’epoca dove per le strade ancora si vedevano punk, skinhead, metallari ed avevano già tatuaggi abbastanza evidenti se pur artigianali nel senso casereccio, ma creavano in me un forte interesse. Quindi la magia del tatuaggio mi appartiene già dalla mia giovane età e ho così iniziato a far qualcosa già da ragazzino sulla pelle degli amici in casa o nelle camerette degli stessi”.
Il tatuaggio ideale da eseguire per lui non esiste, gli basta seguire   gli stili  dal tradizionale  giapponese,  al tribali Samoani, passando per i  tradizionali europei

“Di tatuaggi strani richiesti non ne ricordo molti. Ma evito tatuaggi che possano offendere o ledere altre persone, quindi tatuaggi che possano inneggiare a morte di persone o animali. Tatuaggi politici se estremisti.
Mi sento di dare un consiglio a chi si tatua  che è quello di scegliere con attenzione senza farsi fregar dai colpi di testa o farlo solo perché lo hanno gli amici. Valutare bene cosa fare magari guardando diversi stili e a quel punto guardare bene i lavori del tatuatore scelto. Poi scelto lo studio accertarsi di trovare li ciò che si vuole. Ascoltare i consigli del tatuatore anche se in parte discordanti dalla propria scelta”.

Consigli a chi vuole intraprendere la sua strada non ne riesce a darne anche se ritiene che il settore   stia attraversando una grande crisi dovuta alla grande quantità di pseudo artisti che lavorano a casa  o studi che  aprono come funghi.

“Ostacoli trovati  nella mia professione credo siano stati  legati al fatto solo di avere uno studio. O comunque relazioni sentimentali lunghe. Un tatuatore lo vedo come un motociclista.Deve viaggiare molto e non si deve fermare mai.È una passione che non ha limiti solo stando da soli con la voglia di non fermarsi mai si può avere un buon rapporto di crescita col tatuaggio
Giuliano ha un grande sogno: ”  Non riesco a fermarmi. Ma per ora un nuovo rapporto sentimentale mi trattiene.Felicemente direi!”.

“Le nuove tendenze? per il tatuaggio credo siano per le donne i Mehndi e simili. Per gli uomini è più variegato, vince sempre e comunque il tatuaggio tradizionale”.

Una dose di coraggio e il desiderio di fare del proprio corpo una mappa su cui annotare eventi che ci hanno segnato. Un modo per esorcizzare il dolore della vita o per rammentarci delle grandi gioie che ci sono state regalate, attraverso un disegno, una frase.

Come guerrieri moderni ci si segna il corpo per raccontare una storia la nostra, fatta di battaglie, sconfitte e vittorie. E di questo la nostra terra ne sarà testimone.

Prink 1400
Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia 1540
Commenti


Virali

Prink 1400
In Alto