Da 640 giorni 5 ore 37 minuti 6 secondi questa testata è stata 'censurata' dal sindaco Nizzi per aver consultato i cittadini. Ecco i dettagli, o leggi le notizie secondo LUI.

Spesati orizzontale pellet
Politica Locale

Olbia, mozione rifiuti: “amministrazione corresponsabile del degrado”

Nomasvello Olbia 1085

Olbia, 14 ottobre 2019 – La minoranza del Consiglio Comunale di Olbia torna all’attacco e lo fa con una mozione sui rifiuti che dovrà essere discussa nel prossimo consiglio comunale aperto convocato appositamente per “l’emergenza discariche”.

Nella mozione, l’opposizione descrive la situazione vissuta nel territorio olbiese e ripercorre alcuni atti compiuti dall’amministrazione Nizzi come ad esempio la campagna anti-lanciatore di sacchetti finita sui quotidiani nazionali senza poi aver avuto un seguito, nonché la delibera 138 del 19 aprile 2019 nella quale si approvavano gli indirizzi per la rimodulazione del servizio di Igiene urbana.

Morostesa 2019

In questa delibera, tra le altre cose, viene enunciato uno specifico punto dedicato alle discariche:

  • studio di adeguati sistemi, anche tramite telecamere, per la repressione del fenomeno legato all’abbandono dei rifiuti, previsione di adeguate isole ecologiche automatizzate a servizio dei turisti e nelle zone di periferia.

“Ci chiediamo soprattutto alla luce dell’ultimo punto degli indirizzi, se è stato fatto qualcosa di quanto scritto sulla delibera, oppure la stessa è rimasta lettera morta, attesi gli inesistenti risultati – scrive l’opposizione nella mozione -. Anzi con grande rammarico e preoccupazione denunciamo in questa sede l’aggravarsi della situazione nell’intero territorio comunale. Non v’e luogo nelle periferie e nell’agro, ove non si trovino grandi o piccole discariche di materiali di ogni genere. Occorre porre in essere finalmente
azioni concrete e bandire le chiacchiere”.

La minoranza chiede un piano strategico capace di affrontare in maniera organica la questione ambientale.

“Riteniamo che l’omessa vigilanza, unita alla mancanza di azioni a contrasto abbiano reso questa amministrazione certamente corresponsabile dello stato di degrado, in concorso con chi quelle nefandezze le ha compiute, e che per tale ragione la stessa maggioranza ed il sindaco dovrebbero lasciare ad altri l’amministrazione di questa città”, afferma l’opposizione.

Oltre a un massiccio intervento culturale, la minoranza chiede l’attivazione di una task force anti rifiuto, l’individuazione delle utenze che non hanno ritirato i mastelli, il contrasto dell’abbandono dei rifiuti, l’utilizzo delle telecamere per individuare gli inquinatori.

Va da sé che senza l’incrocio delle utenze (Tari/energia elettrica/acqua) non si individueranno mai tutte quelle persone – e sono tante – che non fanno la differenziata e non pagano nemmeno la Tari.

La mozione è firmata da Davide Bacciu (Progetto Olbia), Amedeo Bacciu, Patrizia Desole, Antonio Loriga, Rino Piccinnu, Ivana Russu, Massimo Satta (Coalizione Civica e Democratica), Roberto Ferinaio e Maria Teresa Piccinnu (Movimento 5 Stelle).

Prink 1400
Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia 1540
Phone Doctor riparazione smartphone tablet olbia sardegna via mameli damasco assistenza vendita
Commenti


Virali

Prink 1400
In Alto