Da 461 giorni 4 ore 25 minuti 33 secondi questa testata è stata 'censurata' dal sindaco Nizzi per aver consultato i cittadini. Ecco i dettagli, o leggi le notizie secondo LUI.

Spesati orizzontale
approfondimenti

Olbia, le sirene raccontano i disastri ambientali: ecco il progetto di Gabriella Pira

Nomasvello Olbia 1085

Olbia, 22 aprile 2019 – Una sirena che fluttua tra pesci (di plastica), un’altra dai segni fosforescenti sulla pelle, un’altra ancora fissa il vuoto con sguardo assente circondata dai ghiacci che si sciolgono.

Sembrano quadri, ma sono gli scatti fotografici della mostra “Salviamo il  nostro mare” (#salviamoilnostromare): l’opera ambiziosissima della fotografa Gabriella Pira.

Morostesa 2019

Un lavoro corale, tutto al femminile, incentrato su un unico (spaventoso) tema: l’inquinamento che sta uccidendo il mare e, per estensione, il nostro pianeta.

Scopo della mostra è quello di sensibilizzare l’osservatore verso le tematiche ambientali, inducendolo a riflettere sulle sue abitudini, sull’egoismo e sulle scelte che facciamo ogni giorno.

Ogni scatto è dedicato a uno specifico disastro ambientale: le microplastiche, i rifiuti radioattivi, lo scioglimento dei ghiacciai e così via.

Alcuni di questi disastri non sono nemmeno così noti: uno scatto riguarda l’errata convinzione, negli ’70, di creare barriere corralline con montagne di pneumatici.

In Florida, al largo delle coste di Fort Lauderdale, ne hanno gettato ben 700.000 e lo stesso è avvenuto in Europa.

Ovviamente, nessun corallo si insediò mai su quella montagna di rifiuti.

La serie di scatti è seducente: da una parte c’è la figura mitologica della sirena, bellissima; dall’altra il contesto, apparentemente meraviglioso che solo dopo uno sguardo più attento svela l’orrore.

Un po’ come la nostra vita, solo in apparenza perfetta e pulita, che si scontra poi con le malattie causate dall’inquinamento, le specie in via di estinzione, il cambiamento climatico che sembra non toccarci, i rifiuti che finiscono nel terreno e lo inquinano (ammalorando falde acquifere e coltivazioni) e le microplastiche nel mare che uccidono tanti animali e che finiscono, se si mangia pesce ovviamente, nella catena alimentare degli umani onnivori.

Insomma, c’è da che riflettere osservando queste bellissime sirene.

La mostra di Gabriella Pira è visitabile all’Artport Toilet dell’aeroporto Costa Smeralda di Olbia fino al 15 giugno: non fatevela scappare.

Prink 1400
Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia 1540
Phone Doctor riparazione smartphone tablet olbia sardegna via mameli damasco assistenza vendita
Commenti


Virali

Prink 1400
In Alto