mercoledì, 12 maggio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca, Generale, Bianca, Salute

Olbia, Hub vaccini: buona la prima, oltre 2400 vaccinati in 7 giorni

Confermati i numeri previsti per la settimana di rodaggio

Olbia, Hub vaccini: buona la prima, oltre 2400 vaccinati in 7 giorni
Olbia, Hub vaccini: buona la prima, oltre 2400 vaccinati in 7 giorni
Camilla Pisani

Pubblicato il 31 marzo 2021 alle 06:00

condividi articolo:

Olbia. Inaugurato il 23 marzo, l’hub vaccinale di Olbia è il quarto in Sardegna, dopo Cagliari, Sassari e Nuoro. Il centro, oltre mille metri quadri, allestito nell’ex autosalone sulla Strada statale 125: all’interno del locale di milleduecento metri quadri l'Ats ha organizzato il percorso per i pazienti che dovranno vaccinarsi. All'ingresso, chi non dovesse averlo fatto, può compilare il modulo. Si passa quindi dall'accettazione alla zona anamnesi, in cui viene valutato lo stato di salute e alle postazioni per i vaccini, dieci in tutto. Dopo la somministrazione della dose, i pazienti vengono invitati ad attendere in un'altra area per un quarto d'ora. 

Ad una settimana dall’avvio delle somministrazioni, questo il bilancio condotto giorno per giorno: nella giornata del 24 marzo sono stati circa centottanta gli over 80 vaccinati, più una trentina di insegnanti appartenenti alle categorie fragili, a cui è stato somministrato il vaccino Pfizer, mentre ad altri trenta è stato destinato l’Astrazeneca; il 25 marzo ha visto la somministrazione di circa trecento vaccini, di cui duecentoquaranta agli over 80 di seconde dosi programmate, una ventina di insegnanti con Astrazeneca non programmati, e per il resto prime dosi agli over 80 e ad alcuni insegnanti fragili, sempre con Pfizer; il 26, dalle ore 9 alle ore 17.15 i medici e gli infermieri dell’Hub hanno somministrato circa cinquecentottanta dosi di vaccino, di cui una ottantina Pfizer ad ultraottantenni, ad insegnanti con patologie importanti ed altri soggetti fragili (nefrotrapiantati, diabetici), mentre per quanto riguarda le dosi rimanenti, poco meno di cinquecento, si tratta di insegnanti vaccinati con Astrazeneca.

Il 27 ha visto vaccinare con Astrazeneca circa quattrocento insegnanti, duecentocinquanta pazienti diabetici con Pfizer, mentre il 29 marzo sono state somministrate duecentosettanta dosi di Astrazeneca ad insegnanti; nella giornata del 30, duecentocinquanta dosi di Pfizer sono andate ad over 80 e soggetti fragili e centotrenta Astrazeneca ad insegnanti.

Il numero dei medici impiegati nell’Hub non è fisso, ma varia a seconda delle disponibilità: i medici di base aderiscono su base volontaria, mentre i dipendenti Assl partecipano sulla base degli impegni lavorativi; nella giornata di sabato, oltre ad infermieri ed al personale amministrativo ed informativo, c’erano cinque medici, di cui quattro di base.

La squadra non si occupa semplicemente della somministrazione del vaccino, ma prendono parte ad una procedura essenziale a garantire la piena salvaguardia della salute dei pazienti: i medici valutano le schede di anamnesi dei pazienti e valutano successivamente che vaccino somministrare, mentre gli infermieri vaccinano e si occupano della preparazione del farmaco; gli amministrativi e gli informatici invece caricano i dati sul sistema.
“Questa settimana e quella successiva, il personale sanitario sarà anche sul territorio per somministrare le seconde dosi agli over 80” fa sapere l’Assl Olbia.

All’inaugurazione dell’Hub le previsioni attese a pieno regime erano stimate su milleduecento dosi giornaliere, mentre il bilancio della prima settimana di attività conferma i dati attesi dal rodaggio (circa trecento dosi al giorno), in alcune giornate superandolo: la speranza è che l’apertura di una sede dedicata unicamente ai vaccini possa segnare davvero il punto di svolta per Olbia, rappresentando un fattore trainante per l’intera isola, ad oggi tra le ultime regioni italiane per somministrazione di vaccino.