Da 1017 giorni 10 ore 7 minuti 32 secondi questa testata è stata 'censurata' dal sindaco Nizzi per aver consultato i cittadini. Ecco i dettagli, o leggi le notizie secondo LUI.

Sardinia Ferries
Cronaca Olbia

Olbia, gatta torturata: aperta indagine

DoubleTree by Hilton hotel ristorante Olbia 1400

Olbia, 12 dicembre 2018 – Non si dà pace la padrona di Sofia, la gatta morta in seguito a una tortura avvenuta lo scorso 3 dicembre in Zona Bandinu. Non si dà pace e spera che le forze dell’ordine trovino il responsabile. La cittadina olbiese, la cui denuncia social è divenuta virale, ha presentato una corposa denuncia formale ai Carabinieri di Olbia e i militari, ora, sono impegnati nelle indagini.

Il riserbo è massimo e non potrebbe essere altrimenti: una parola in più potrebbe permettere al responsabile di farla franca. Intanto, in Zona Bandinu – nella porzione di quartiere dove è morta Sofia – regna una pace irreale. “Questa è  un’oasi di pace, lo è sempre stata – racconta la donna, molto provata -. Mai avrei pensato che potesse succedere qualcosa a uno dei miei animali, qua dove ci conosciamo tutti e dove tutti hanno cani e gatti”.

Studio Dentistico Satta 300

La casa della povera Sofia è una casa che accoglie tanti animali, tutti tenuti benissimo. I gatti, grazie al pochissimo traffico e alle grandi zone verdi, possono vivere liberi. I cani sono tenuti in sicurezza da un giardino ben protetto. Tutti, cani e gatti, entrano ed escono dalla casa quando vogliono. Ognuno ha la sua cuccia, la sua ciotola, la sua dose di carezze. Ognuno ha una storia travagliata, perché la padrona di Sofia è una che gli animali li adotta quando sono in difficoltà e non li vuole nessuno.

In tutti questi anni mai era successa una cosa simile e tutto il quartiere, racconta la donna, è rimasto profondamente turbato dall’accaduto.

Non possiamo entrare nei dettagli, ma è certo che Sofia è stata torturata deliberatamente: a stabilirlo è stato il veterinario di fiducia della padrona del gatto, il quale ha scritto nero su bianco cosa è successo e quali sono stati gli effetti sul povero animale. Abbiamo letto il referto e l’unica cosa che possiamo scrivere è che è raccapricciante.

Ora è tempo di lasciar lavorare gli investigatori: la speranza è che il responsabile venga individuato.

Studio Dentistico Satta orizzontale
Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia 1540
Commenti

Virali

In Alto