Da 738 giorni 5 ore 24 minuti 43 secondi questa testata è stata 'censurata' dal sindaco Nizzi per aver consultato i cittadini. Ecco i dettagli, o leggi le notizie secondo LUI.

Edilmass orizzontale
Sport

Ragatzu, Cossu e Capello stendono il Racing Roma: l’Olbia torna in zona playoff

Mister Mignani: “Ottimo approccio”

Foto: www.olbiacalcio.com
Bacchus 1085

Olbia, 28 Novembre 2016 – Una vittoria d’autorità. L’Olbia regola con un perentorio 3-0 il Racing Roma e torna a correre dopo lo stop imposto dal Prato 7 giorni fa. Tre gol d’autore firmati Ragatzu, Cossu e Capello che fanno suonare una sinfonia al “Nespoli”. La sesta vittoria dei bianchi in campionato vale un ambizioso ritorno in zona playoff, ma soprattutto la tracciatura di importante solco di 7 lunghezze dalla zona playout.

L’approccio alla gara dell’Olbia è impeccabile. Aggressività e personalità non danno respiro all’undici laziale e al 10′ la manovra olbiese colpisce: cross di Cossu e perfetta sponda di Kouko per Ragatzu che da posizione ravvicinata fulmina Savelloni: 1-0. Un vantaggio repentino e meritato, che spiana la strada per la tessitura delle trame bianche. I ragazzi di Mignani mordono il freno e divertono e si divertono con un gioco arioso e ficcanti sovrapposizione sugli esterni mandano. Al 17′ Kouko sfiora il gol con un pallonetto da zolla defilata e allora al 36′ Cossu si rifà con gli interessi: il capitano riceve palla sulla destra, converge al centro e accende col sinistro un missile telecomandato che fa il solletico al palo e vale il 2-0.

Spesati article pellet

Nella ripresa il copione non cambia, se possibile l’Olbia torna in campo con più fame. È il segno che la squadra non vuole mollare di un centimetro e chiudere la contesa quanto prima. Il possesso e il giro della palla resta rapidi e precisi. Al 50′ Cossu verticalizza per Ragatzu, che controlla e spara sul palo lontano centrandolo in pieno. Il pallino del gioco resta sempre in mano all’Olbia, che amministra il risultato dosando la benzina con un sapiente gioco di pedali. I cambi (Pinna per Pisano e Capello per Ragatzu) consentono di rialzare i ritmi e al 73′ Muroni chiama all’intervento Savelloni che non trattiene e solo in un secondo momento riesce a impedire a Kouko il tap-in vincente.

I tempi sono però maturi per il tris che arriva puntuale all’80′ a coronamento di un’azione perfetta: Geroni verticalizza di prima pescando Cossu in area, cross al centro del capitano e deviazione vincente di Capello: 3-0. Nel finale c’è tempo per il ritorno in campo di Feola a distanza di oltre due mesi e per il poker sfiorato da Kouko. Poi il triplice fischio che sigilla il riscatto dell’Olbia dopo il ko con il Prato.

Meno tre giorni al primo anno da presidente dell’Olbia. Alessandro Marino non poteva ricevere regalo migliore dalla sua squadra questo pomeriggio: “È stata una delle nostre solite partite” – è il primo commento del numero uno bianco. Non per sminuire, bensì per enfatizzare un rendimento stagionale che ha visto l’Olbia “offire sempre grandi prestazioni. Oggi siamo stati bravi a far finire psicologicamente dopo il nostra vantaggio. Qualche volta – prosegue Marino – abbiamo sbagliato l’approccio ma incidenti di percorso sono fisiologici. Se miglioriamo sotto questo aspetto la continuità dei risultati sarà una diretta conseguenza. I nostri obiettivi stagionali sono ampiamente alla portata“.

L’Olbia ha raggiunto quota 21 punti riposizionandosi in zona playoff. Un risultato straordinario. “La squadra merita solo lodi, sta dimostrando di essere di un livello importante perché venendo fuori tutto il potenziale di cui disponiamo. Mi aspetto però che la città dia risposte migliori in termini di presenze allo stadio. Forse – analizza il presidente – abbiamo bruciato le tappe. In un anno abbiamo corso tantissimo e forse la gente ha bisogno di un po’ di tempo per rendersi conto di quello che sta succedendo. La curva, ancora una volta eccezionale, se n’è accorta. Faremo di tutto perché anche gli altri, a partire dai più giovani che forse hanno bisogno di più tempo, se ne rendano conto. Dobbiamo vedere un’escalation di seguito all’altezza di quello che sta offrendo la domenica la squadra“.

Fiero dei suoi ragazzi, del risultato e della prestazione. Il pomeriggio dell’Olbia, vittoriosa per 3-0 sul Racing Roma, non può che regalare sorrisi e soddisfazione a mister Mignani: “Sì, sono soddisfatto. Oggi la partita si è messa subito nel modo giusto e abbiamo avuto un ottimo approccio alla gara giocando i primi 20′ molto bene. Mi sono piaciute la voglia di vincere e la gestione della palla, anche se abbiamo sbagliato qualche passaggio di troppo. Segno che possiamo e dobbiamo fare ancora meglio“.

La sconfitta contro il Prato ha trovato un pieno riscatto: “Sicuramente il risultato fa piacere perché ci dà morale e ci rinfranca dopo un ko dove comunque la squadra aveva giocato secondo le istruzioni. E quando io vedo che i ragazzi cercare di fare quello che si prova in settimana posso guardare avanti con fiducia“. Un po’ di turnover in campo che non ha di certo inibito chi è subentrato in corso d’opera: “Credo non ci sia più bisogno di sottolineare quanto questo gruppo sia unito. Oggi abbiamo cambiato qualcosa e tutti hanno risposto bene. I ragazzi devono farsi trovare pronti in ogni momento“.

Si passa poi a commentare la prova di alcuni singoli. A partire da Russu, tornato titolare sulla fascia sinistra: “Marco è un giocatore che può giocare su entrambe le fasce, questo lo sapevamo. Il suo percorso in stagione aveva subito un’interruzione ma nelle ultime settimane è cresciuto moltoallenandosi bene. Avevamo la certezza che, chiamato in causa, ci avrebbe dato una grossa mano“. Una menzione speciale il mister la riserva per Kouko: “Sono contentissimo della sua gara, è il leone della squadra“. In chiusura Mignani guarda già oltre, all’insidiosa sfida in trasferta contro la Carrarese del prossimo turno: “Dobbiamo restare con i piedi per terra e mantenere equilibrio anche fuori dal campo. Sabato sarà una nuova battaglia“.

 

Prink 1400
Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia 1540
Commenti


Virali

Prink 1400
In Alto