Da 1023 giorni 8 ore 18 minuti 35 secondi questa testata è stata 'censurata' dal sindaco Nizzi per aver consultato i cittadini. Ecco i dettagli, o leggi le notizie secondo LUI.

Superprice 1400
Cronaca Olbia

Olbia, addio Alisarda: l’Aeroporto Costa Smeralda cambia proprietà, ecco F2i

DoubleTree by Hilton hotel ristorante Olbia 1400

Olbia, 23 ottobre 2020 – Da qualche settimana la voce circolava insistentemente: Geasar venduta a un importante fondo. Oggi la conferma: l’80% della società che gestisce l’Aeroporto Costa Smeralda di Olbia è stato venduto al fondo F2i: uno dei più importanti fondi italiani del quale fa parte anche la Fondazione di Sardegna e che ha già impegni sull’aeroporto Riviera del Corallo su Alghero. Nasce, insomma, il polo aeroportuale del Nord Sardegna.

” F2i sgr, il principale Fondo Infrastrutturale italiano, ha siglato l’accordo per l’acquisizione da Alisarda SpA dell’80% di Geasar SpA, società di gestione dell’Aeroporto Olbia Costa Smeralda. L’acquisizione, il cui perfezionamento resta condizionato alle autorizzazioni delle competenti, verrà effettuata attraverso F2i Aeroporti 2 che oggi già detiene il controllo di Sogeaal SpA (71%), società di gestione dell’aeroporto di Alghero.  Le Camere di Commercio di Sassari e di Nuoro e la Regione Sardegna rimarranno azioniste di Geasar (Olbia) con circa il 20% del capitale. La Regione Sardegna è già partner di F2i Aeroporti 2 in Sogeaal (Alghero) con una quota, diretta e indiretta, del 29%”, si legge nella nota stampa del fondo.

Superprice 300

“F2i Aeroporti 2, che consoliderà le attività aeroportuali del Nord Sardegna (circa 4,4 milioni di passeggeri totali nel 2019), sarà controllata da due Fondi gestiti da F2i (il Fondo ANIA-F2i e il Terzo Fondo F2i) e da Fondazione Sardegna che, data la rilevanza dell’operazione per il territorio, ha scelto di affiancare F2i nell’investimento”, continua.

“F2i, coerentemente alla sua missione, ha deciso di sostenere il potenziale di sviluppo aeroportuale del nord della Sardegna nonostante l’attuale situazione di emergenza. La crisi sanitaria ha duramente colpito tutto il settore a livello globale, con il traffico sostanzialmente azzerato nel periodo marzo-maggio 2020 ed ancora oggi fortemente ridimensionato. F2i ritiene tuttavia che la Sardegna presenti tutte le caratteristiche per beneficiare di una ripresa relativamente più rapida, grazie in particolare al suo posizionamento di destinazione turistica esclusiva. Siamo lieti di avere accanto a noi in Olbia la Regione Sardegna, già nostro partner in Alghero, e le Camere di Commercio di Sassari e di Nuoro, così come la Fondazione Sardegna che ha condiviso con noi il progetto industriale. Insieme ci impegneremo, anche in questo difficile frangente, a sostenere l’attività dei nostri aeroporti a beneficio del sistema economico sardo e dei suoi cittadini”, ha commentato Renato Ravanelli, Amministratore Delegato di F2i.

F2i Sgr detiene partecipazioni negli scali di Milano, Napoli, Torino, Alghero, Trieste, Bologna, e indirettamente Bergamo, con circa 62 milioni di passeggeri complessivi (32% del traffico nazionale) e 630 milioni di tonnellate di merce (57% del traffico cargo nazionale) nel 2019.

Marco Rigotti, Presidente di Alisarda ha dichiarato: “La strategia di Geasar, realizzata grazie al costante impegno di una squadra fortemente motivata, coesa e dotata di un’approfondita conoscenza del settore e che ha potuto sviluppare un’efficacie collaborazione con il tessuto economico territoriale, è stata fin dalle origini supportata da un lungimirante investimento privato, sviluppatosi nella cornice dell’ambizioso progetto di sviluppo della Costa Smeralda. Le solide basi sulle quali Geasar è costantemente cresciuta meritano di avere una prospettiva futura altrettanto positiva. La nostra convinzione è che una visione strategica condivisa fra aeroporti, il rafforzamento della rete di relazioni nazionali ed europee, nonché l’apporto di know-how, siano elementi indispensabili per il futuro della Società.”

F2i SGR è il maggiore gestore indipendente italiano di fondi infrastrutturali, con asset under management per circa 5 miliardi di euro. Le società che fanno parte del network di F2i costituiscono la principale piattaforma infrastrutturale del Paese, diversificata in settori strategici per il sistema economico: trasporti e logistica, energie per la transizione, reti di distribuzione, reti e servizi di telecomunicazione, infrastrutture. Guidato dall’Amministratore Delegato Renato Ravanelli, F2i attraverso le sue partecipate coinvolge lavorativamente 19 mila persone in Italia la cui attività consente a milioni di persone di utilizzare i servizi e le infrastrutture essenziali per la vita quotidiana. F2i SGR vanta tra i propri soci primarie istituzioni finanziarie, tra cui Fondazioni di origine bancaria, Casse di previdenza e Fondi pensione nazionali ed esteri, Asset manager nazionali e internazionali e Fondi sovrani. I fondi gestiti da F2i SGR sono sottoscritti da primarie istituzioni italiane ed estere.

Studio Dentistico Satta orizzontale
Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia 1540
Commenti

Virali

Superprice 1400
In Alto