Da 517 giorni 20 ore 20 minuti 0 secondo questa testata è stata 'censurata' dal sindaco Nizzi per aver consultato i cittadini. Ecco i dettagli, o leggi le notizie secondo LUI.

Edilmass orizzontale
Cronaca Olbia

Mozione Olbia.it, Marella Giovannelli: “censura grave, è boomerang”

A sinistra la giornalista Giovannelli, a destra la giunta seduta in Consiglio Comunale
Spesati orizzontale

“Rassegnazione, indifferenza, abitudine, quieto vivere, soggezione: se s’imbocca questo percorso ci si ritrova tutti meno liberi e meno evoluti. E si creano dei precedenti”.

Olbia, 03 aprile 2018 – Domani pomeriggio, presso l’aula consiliare di Poltu Cuadu, verrà discussa la mozione sull’esclusione di Olbia.it dalla mailing list del Comune di Olbia. Un fatto grave, questo della “censura” operata contro la testata giornalistica olbiese, che secondo la giornalista freelance olbiese Marella Giovannelli rappresenta un fatto gravissimo e un potenziale boomerang.

“Oggi per me solo l’idea di poter calpestare la libertà di manifestazione del pensiero e il diritto di critica è inutile e assurda – spiega la giornalista Marella Giovannelli, punto di riferimento nel settore culturale olbiese -. Si tratta di un valore centrale della Costituzione sancito dall’articolo 21 che garantisce a ogni individuo la facoltà di divulgare il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione, cioè di poter liberamente comunicare con i propri simili. Il principio della libertà d’informazione è ribadito anche dall’ articolo 19 della «Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo» (adottata dall’Assemblea generale dell’ONU il 10 dicembre 1948) nel quale si riconosce ad ogni individuo il diritto di ricercare informazioni e notizie servendosi di qualsiasi mezzo”.

Spesati article

Giovannelli va oltre ed entra nel cuore della questione: “Se poi si vuole derubricare il “caso Olbia.it” a una diatriba personale, il provvedimento è altrettanto indifendibile perché la testata oggetto di una discriminazione così pesante sia dal punto di vista sostanziale che simbolico, (eliminata dalla mailing list del Comune) è comunque un organo di informazione che dà voce alla comunità intesa come insieme di singoli individui, ognuno dei quali è dotato di autonomia di pensiero“.

Quello del giornalista dovrebbe essere un mestiere libero da qualsiasi ricatto: economico, politico, culturale – ribadisce con forza Marella Giovannelli -. Fa riflettere ciò che scriveva il pensatore liberale Benjamin Constant nel periodo buio della restaurazione francese:Con i giornali, a volte c’è disordine; senza di loro, c’è sempre schiavitù”. Un segnale sulla portata dell’assurdità di questa specie di “editto” bulgaro in salsa olbiese sta nella posizione forte presa dall’Ordine dei Giornalisti della Sardegna e dall’Associazione Stampa Sarda. Giustamente stanno dimostrando grande attenzione e sensibilità anche perché peggio della censura, c’è solo la rassegnazione alla censura“.

La giornalista olbiese, la cui sensibilità professionale e umana è ben nota, sottolinea anche il rischio che si corre a soprassedere su quanto successo, magari attirati dal quieto vivere o da altro. “Rassegnazione, indifferenza, abitudine, quieto vivere, soggezione: se s’imbocca questo percorso ci si ritrova tutti meno liberi e meno evoluti. E si creano dei precedenti che, peraltro, tendono velocemente a sbiadirsi – continua -. Mi riferisco, per esempio al film “La trattativa” di Sabina Guzzanti, la cui proiezione, già programmata a Olbia, fu vietata dal sindaco Nizzi nel luglio 2016. In quell’occasione il primo cittadino dichiarò “Le critiche non mi interessano, mi interessa molto di più l’onore mio e del mio partito”. A me pare, invece, un punto d’onore ben più alto garantire la libertà di pensiero e il diritto di critica che sono le fondamenta della democrazia perché assicurano autonomia di giudizio in ogni cittadino e nell’opinione pubblica“.

Infine, una domanda accompagnata da una riflessione: “L’alternativa quale sarebbe, il pensiero unico ed egemone? Credo che la storia abbia già detto tutto al riguardo e la censura oggi ha solo il potere di un boomerang“.

Prink 1400
Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia 1540
Phone Doctor riparazione smartphone tablet olbia sardegna via mameli damasco assistenza vendita
Commenti


Virali

Prink 1400
In Alto