domenica, 25 luglio 2021

Informazione dal 1999

Olbiachefu

Mare chena làcanas - poesia di Vanna Sanciu

Oggi è la Giornata mondiale della Poesia

Mare chena làcanas - poesia di Vanna Sanciu
Mare chena làcanas - poesia di Vanna Sanciu
Vanna Sanciu

Pubblicato il 21 marzo 2021 alle 19:50

condividi articolo:

Olbia. Dedico questa poesia "Mare chena làcanas", ovvero "Mare senza confini" alla città che mi ha accolto e adottato 54 anni fa, e a tutti coloro che seguono "Olbiachefu", di cui celebriamo il sesto compleanno.
Ho sempre amato il mare: mi ha sempre affascinato la bellezza del suo paesaggio, i suoi profumi, il suono della sua voce, l'abbraccio che accoglie e ritempra, ma anche il mistero della sua profondità, dove immagino sia celata la metafora della nostra esistenza.

 

Mare chena làcanas

S’abbratzu tou mi donat ispannu

sunt giogos de amore in s’infinidu

in tegus acato su Babbumannu

s’ànima cantat versos de olvidu.

 

 Innetas sos turmentos

cun undas de isciumas innotzentes

e pàginas de vidas

s’ispijant in fundales già lughentes

de oras atrividas

amigas de sos bentos.

 

Ses bàntzigu, ses giogu,

de criadura bisu in pitzinnia,

poesia e allatzu

 renchénnida comente maladia

si mancat cuss’ abbratzu,

m’iscurigat su logu.

 

A tie current rios,

dae comintzu tue coglis abbas

 de chelu e de terra,

su girutundu chi mai acabbas

pasat sa cuntierra

e nos mantenet bios.

 

Motu de libertade,

mistériu de rànchidos abissos,

 ànimas copiolas

 chi s’intregant segretos chen’ammissos

pro non s’intender solas

in abb’e eternidade.

Vanna Sanciu

Terranoa, su 30 de trìulas de su 2020

 

Mare senza confini

Il tuo abbraccio mi dona allegria,

son giochi d’amore nell’infinito

in te ritrovo il Padre Eterno

la mia anima canta i versi dimenticati.

 

Purifichi le mie sofferenze

con onde di schiume innocenti,

e pagine di vita

si specchiano nei fondali già luminosi

di ore impavide,

amiche dei venti.

 

Sei culla, sei svago,

desiderio dei bambini,

poesia e legame,

nostalgia che diventa malattia,

se manca il tuo abbraccio,

il mio cuore s’intristisce.

 

I fiumi corrono verso di te,

dal Principio tu raccogli le acque

 del cielo e della terra,

il ciclo perpetuo

placa la contesa

e ci tiene vivi.

                                               

Moto di libertà,

mistero di abissi amari,

anime gemelle

che s’affidano segreti mai ammessi

per non sentirsi sole

nell’acqua dell’eternità.

Vanna Sanciu

 

Si ringrazia il fotografo Mauro Mendula per la gentile concessione delle foto