giovedì, 04 marzo 2021

Informazione dal 1999

Economia, News

La startup olbiese è tra le più promettenti secondo la rivista internazionale WIRED

Spesati cresce e punta al mercato nazionale

La startup olbiese è tra le più promettenti secondo la rivista internazionale WIRED
La startup olbiese è tra le più promettenti secondo la rivista internazionale WIRED
Olbia.it

Pubblicato il 25 gennaio 2021 alle 13:59

condividi articolo:

Olbia. Una start up che cresce, che si fa spazio nell'agguerrito mercato online, che sta per sbarcare nel Nord Italia e che agguanta una grande soddisfazione: l'attenzione della stampa e in particolare dell’autorevole testata giornalistica internazionale Wired, specializzata in tecnologia e nuove tendenze.

La rivista ha dato ampio spazio all'azienda olbiese, collocandola tra le principali e più promettenti protagoniste del settore a livello nazionale che oggi vale 2,7 Miliardi di euro (quasi il 9% del totale degli acquisti online). Una bella soddisfazione per tutti i soci, dipendenti, professionisti e fornitori come il Centro Cash del gruppo Ibba con il quale Spesati ha una proficua collaborazione logistica nelle sedi di Olbia e Cagliari.

Nell'intervista a Wired, l'amministratore delegato Mario Sanciu dà i numeri dell'azienda e traccia la linea dello sviluppo futuro: 24.000 clienti, 20.000 referenze, il fatturato 2020 che ha raggiunto i due milioni di euro dopo soli 18 mesi dall’inizio attività della Spesati srl e la prossima decisiva apertura nel Nord Italia, in una città con bacino potenziale di sei milioni di persone raggiungibili in un’ora di macchina.

“Questi risultati non sarebbero stati raggiunti senza il supporto di tutta la squadra, dai soci vecchi a quelli nuovi: dagli iniziali partner della Terza Srl con Corrado Demela in primis, per passare agli attuali Dodify Ltd, Michael Tremante, Alessandro Beccu e la Sardinia Service Group rappresentata dall’olbiese Giuseppe Taras”.

Spesati ha appena festeggiato il suo compleanno – precisamente il 23 Gennaio – la città di Olbia è stata un banco di prova perfetto per l'azienda. “In base ad un'analisi che abbiamo fatto, sulla base di 104 Comuni sopra i 60.000 abitanti, identificando delle variabili tra cui reddito pro capite, superficie, densità abitativa, abbiamo realizzato una classifica dei terreni più fertili per sviluppare il business della spesa online a domicilio. Tirando fuori un punteggio complessivo Olbia risultava penultima, ma per le sue caratteristiche peculiari, basti pensare che d'estate il bacino d'utenza triplica e che vi è anche il settore lusso, è stata uno stress test perfetto per quello che avevamo in mente”.

Clicca qui per leggere l’articolo di Wired completo