mercoledì, 14 aprile 2021

Informazione dal 1999

Politica, Cronaca, Bianca

Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, firma il nuovo Dpcm

Il nuovo Dpcm entrerà in vigore il 6 marzo

Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, firma il nuovo Dpcm
Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, firma il nuovo Dpcm
Olbia.it

Pubblicato il 02 marzo 2021 alle 20:55

condividi articolo:

Cagliari. Nuovo decreto firmato daI presidente Mario Draghi. Il primo decreto firmato dal nuovo Presidente del Consiglio dei ministri entrerà in vigore dal 6 marzo fino al 6 aprile 2021. Oggi alle 18.45 alla conferenza stampa di presentazione del nuovo decreto erano presenti, assieme al presidente dell'Istituto superiore di Sanità Brusaferro e il presidente del Consiglio superiore di sanità Locatelli, anche i ministri per gli Affari regionali Gelmini e della Salute Speranza. Nel nuovo decreto viene confermato fino al 27 marzo il divieto di spostarsi tra regioni o province autonome, salvo per le urgenze e necessità. Invariato anche il metodo dei colori che distingue la gravità dei contagi.  Istituito anche un "tavolo permanente" con il Ministero della salute, con i rappresentanti delle regioni interessate, del Comitato tecnico-scientifico e dell'Istituto superiore di sanità, per monitorare gli effetti dell'allentamento delle misure e verificare la necessità di adottarne eventualmente ulteriori.

 Per quanto riguarda le zone bianche, e quindi la Sardegna, al momento l'unica regione di questo colore, restano in vigore le misure anticontagio in generale, con obbligo di mascherina e distanziamento, ma stop alle misure previste per la zona gialla. Sospesi per ora tutti gli eventi che comportano rischio assembramenti.

 

 Scuole nelle zone arancioni e gialle: I Presidenti delle regioni potranno disporre la sospensione dell'attività scolastica  nelle aree in cui siano state adottate misure più stringenti per via della gravità delle varianti. Ciò sarà possibile anche nelle zone in cui, nell'arco di 7 giorni  vi siano più di 250 contagi ogni 100mila abitanti. Per le zone rosse, dal 6 marzo è prevista la sospensione dell'attività in presenza delle scuole di ogni ordine e grado, nel provvedimento rientrano anche le scuole dell'infanzia e delle elementari. Le attività in presenza potranno essere garantite per quegli alunni con disabilità o con bisogni educativi speciali.  

Dal 27 marzo, nelle zone gialle è prevista la possibilità di riaprire teatri e cinema, con posti a sedere preassegnati, nel rispetto delle norme di distanziamento. La capienza non potrà superare il 25% di quella massima, fino a 400 spettatori all'aperto e 200 al chiuso per ogni sala. Restano chiusi palestre, piscine e impianti sciistici.

Novità per quanto riguarda le attività commerciali è quella dell'eliminazione del idivieto di asporto dopo le ore 18, questa disposizione è valida per tutte le zone e per gli esercizi di commercio al dettaglio di bevande da non consumarsi sul posto. In zona rossa Prevista la chiusura i servizi alla persona.