Da 433 giorni 23 ore 31 minuti 27 secondi questa testata è stata 'censurata' dal sindaco Nizzi per aver consultato i cittadini. Ecco i dettagli, o leggi le notizie secondo LUI.

Spesati orizzontale
Politica Locale

I programmi elettorali viaggiano su internet

Nomasvello Olbia 1085

La dinamicità di Olbia si riscopre anche in questo, nella sua capacita’ di comunicare. I candidati hanno messo nero su bianco i propri intenti e hanno condiviso il programma con tutta la comunità, anche quella del web. Le tematiche che vengono affrontate sono molteplici. I due big Settimo Nizzi e Gianni Giovannelli, hanno sfornato più di 50 pagine ciascuno, altri come Cristina Dessole hanno preferito un approccio più snello. La validità di questi documenti e’ prettamente soggettiva. Saranno gli elettori a decidere chi tra i candidati ha la stoffa per dirigere la città e quanto il programma sia valido e attuabile in una legislatura di 5 anni.

Morostesa 2019

Le questioni che tengono banco sono le stesse che hanno animato sino ad oggi la competizione elettorale: dalla Tarsu, alle nuove povertà, dal Cimitero alle strade dissestate.

Sulla Tarsu diverse ricette, ma con un approccio del tutto differente dai toni accesi usati fino ad ora, non pare neppure si tratti di una problematica.
Giovannelli propone un passaggio graduale dalla tassa dei rifiuti solidi urbani alla TIA (tariffa di igiene ambientale), già in uso in qualche comune italiano, una tariffa che si compone per una parte da una quota fissa e un’altra quota in relazione all’effettiva quantità di rifiuti prodotta. Cristina Dessole e la sua lista di “Uniti e Liberi – Insieme per Olbia” radicalizza, sostenendo anzitutto la necessità dello spostamento della zona industriale, ora situata in una zona di grande rilevanza ambientale e turistica, sui rifiuti in particolare punta sul TMB, ovvero il trattamento biologico meccanico dei rifiuti associato a un aumento della differenziata, un sistema che porterebbe lavoro. Nizzi invece pensa al futuro immediato garantendo una diminuzione delle aliquote sulle aree scoperte artigianali industriali e commerciali da 1,60€/mq a un massimo di 0,30€/mq. Promettendo inoltre il suo impegno politico in ambito nazionale e il condono per il 2011.

Sulle nuove povertà e la disoccupazione giovanile
Per i candidati Nizzi e Giovannelli i giovani rappresentano un capitale sociale immenso.
In questo senso Nizzi apre all’Europa, con tutte le opportunità che essa offre,talvolta sottovalutate, ma che ora possono dare risposte concrete a una realtà in crisi come quella dei giovani olbiesi. Non solamente in termini di formazione professionale o attivita’ sociali, ma anche volontariato, vacanze studio e risorse finanziarie accessibili a fronte di un valido progetto di impresa. Gianni Giovannelli sottolinea l’aiuto che in questi termini può fornire l’europarlamentare Uggias e rimarca la necessita’ di creare spazi di aggregazione sociale, impegnandosi anche nel potenziare lo strumento dell’Informagiovani. Entrambi i candidati si trovano d’accordo sul potenziamento dello sportello Eurodesk.

Settimo Nizzi dedica una parte consistente del programma, esattamente la prima parte, alle soluzioni per le problematiche giovanili, focalizzando questo tema in una delle 5 grandi missioni. Punta allo sviluppo di collaborazioni su diversi livelli: integrazione, lotta alla dispersione scolastica, investimenti sulla formazione e incentivazione all’occupazione. Giovannelli propone uno strumento di dialogo con i giovani, la cosiddetta “Consulta dei giovani cittadina”; il prolungamento degli orari d’apertura delle scuole e la creazione di uno spazio di aggregazione.

Il comune denominatore dei programmi e’ certamente l’edilizia convenzionata, le “social house”, così vengono definite nel programma di Nizzi. Strumento ideale per rilanciare l’economia locale e offrire un servizio da troppo tempo dimenticato.

Tutti mostrano un approccio moderno, la propria volontà a imprimere nella città i caratteri che sono propri delle capitali europee, rispettose dell’ambiente e che guardano al futuro. Giovannelli ci riesce avanzando l’idea il Bike sharing per incentivare l’uso delle biciclette, Nizzi proponendo il wi-fi free nei parchi e nel centro storico, idea proposta anche da Cristina Dessole.

Sono tante le piccole idee che si possono trovare spulciando riga per riga i programmi.

Un aspetto molto sviluppato sulla lotta alla criminalità tra i punti della Dessole. Per la lista di Uniti e Liberi – Insieme per Olbia “vivere in una città sicura e’ un diritto assoluto per ogni cittadino”.
Giovannelli pone attenzioni sul fenomeno del randagismo, la creazione del cimitero per gli animali (così come previsto da un progetto già approvato), la messa a norma del canile comunale e la realizzazione di parchi nei quartieri per far scorrazzare gli animali in sicurezza.
Nizzi propone il “Low Cost comunale”, un investimento che permetterà l’apertura degli hotel cittadini e dei servizi nelle coste per almeno 6 mesi l’anno

C’e poi l’aspetto delle frazioni, Nizzi ha dichiarato di aver ben accolto, con la sua coalizione, le istanze prodotte dai comitati di quartiere, facendosi carico di portare avanti un programma condiviso. Un aspetto che Nizzi, non sottovaluta affatto, quello delle periferie, tanto che ha creato nel programma dei paragrafi per ogni località, impegnandosi e per i collegamenti con il nucleo cittadino e per la creazione di infrastrutture, dai parchi giochi alle piazze.
Non da meno, Giovannelli, il quale si impegna a creare fin da subito degli spazi culturali polivalenti. Inserisce i rappresentanti di quartiere nel suo progetto di trasparenza, ponendo come uno dei punto dei primi 100 giorni di governo “la definizione di procedure ed incarichi finalizzati alla redazione di un percorso istituzionale per rispondere alle legittime aspettative dei quartieri e delle frazioni…”.

Olbia in fiore 2019 1400
Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia 1540
Phone Doctor riparazione smartphone tablet olbia sardegna via mameli damasco assistenza vendita
Commenti


Virali

Prink 1400
In Alto