sabato, 15 maggio 2021

Informazione dal 1999

Politica, Economia, News

Gelate in Gallura: mozione in Consiglio Regionale

Danni ai vigneti

Gelate in Gallura: mozione in Consiglio Regionale
Gelate in Gallura: mozione in Consiglio Regionale
Olbia.it

Pubblicato il 10 aprile 2021 alle 13:17

condividi articolo:

Olbia. Il gruppo PD in Consiglio regionale, primo firmatario Giuseppe Meloni, ha presentato nella giornata di ieri, giovedì 8 aprile, una mozione riguardante i danni derivanti alle imprese agricole-vitivinicole dalla gelata della notte tra il 7 e l'8 aprile 2021. Gelate che hanno riguardato anche la Gallura e l'agro di Olbia.

La mozione, che dovrà essere discussa in Consiglio, impegna il Presidente della Regione e l'Assessore dell'Agricoltura a disporre che gli organismi agricoli regionali preposti procedano, con la dovuta immediatezza, a mappare le zone interessate dalla gelata della notte tra il 7 e l'8 aprile 2021, a verificarne gli effetti sui vigneti colpiti e ad individuare con urgenza  interventi che garantiscano il sostegno economico immediato e agevolino la ripresa produttiva delle aziende vitivinicole danneggiate. 

Le temperature miti delle scorse settimane, infatti, come riferiscono i Consiglieri del gruppo PD, avevano favorito il germogliare delle viti e l'eccezionale gelata ha colpito duramente l'intera Isola con effetti ancora più gravi in alcune zone in particolare, come nel caso della Gallura. E, purtroppo, a nulla sono valse le iniziative adottate da alcuni viticoltori volte ad attutirne gli effetti per mezzo di fuochi tenuti accesi durante l'intera notte.

Sarebbe opportuno, secondo i consiglieri PD, che la giunta regionale incarichi esplicitamente gli organismi titolati (l'agenzia regionale Agris in primis) affinché vengano studiate e poste in essere, come avviene in altre zone d'Europa, misure atte a prevenire gli effetti dannosi di questi fenomeni, ormai sempre più frequenti in primavera a causa dei cambiamenti climatici. 

Rammentano, infine, i consiglieri Dem che il mondo agricolo in generale, e quello vitivinicolo in particolare, affronta un periodo nefasto dovuto alla crisi di mercato dei prodotti vinicoli causata dalle chiusure delle aziende di ristorazione a seguito della pandemia in atto, per cui un intervento urgente da parte della regione risulta essenziale, ad iniziare dal riconoscimento dello stato di calamità naturale.