lunedì, 12 aprile 2021

Informazione dal 1999

Politica

Elezioni Olbia, Francesco Gambella scende in campo

Lo sportivo e imprenditore ha deciso di candidarsi

Elezioni Olbia, Francesco Gambella scende in campo
Elezioni Olbia, Francesco Gambella scende in campo
Olbia.it

Pubblicato il 18 marzo 2021 alle 06:00

condividi articolo:

Olbia. La corsa verso le comunali continua, anche se non è ancora chiara la data delle elezioni. L'ultima novità in termini di candidature riguarda la lista Vivere Olbia che presenta uno dei suoi candidati di punta: il recordman e imprenditore olbiese d'adozione Francesco Gambella.

Quello di Gambella è un nome molto noto a Olbia, ma non solo: le sue imprese solidali sono conosciute a livello nazionale e internazionale, così come i progetti a favore dei giovani nelle aree meno fortunate del mondo. Oggi, Francesco Gambella ha deciso di impegnarsi per la comunità che tanto gli ha dato in termini di lavoro (prima con Meridiana e poi come imprenditore) e di vita personale (amicizie e famiglia tutte made in Olbia). 

"Fin dall’adolescenza e contestualmente alla mia attività lavorativa principale - prima come assistente di volo della compagnia aerea Meridiana, oggi come imprenditore - ho profuso particolare impegno nello sport della canoa e nel mondo del sociale. Passioni che mi hanno permesso di realizzare imprese estreme in diverse zone del mondo, sempre con l’obiettivo di richiamare l’attenzione pubblica su temi sensibili, in particolare quelli di una sanità di qualità per tutti, dell’accesso all’acqua, all’istruzione nelle zone remote dell’Africa centro orientale e alla tutela ambientale", spiega Gambella alla sua prima esperienza in politica con un progetto totalmente civico.

"Sfide che, grazie anche al sempre presente contributo economico di sponsors, privati e supporters, hanno consentito la realizzazione di progetti umanitari dei quali, ancora oggi, beneficiano intere comunità. Esperienze dall’alto valore sociale e umano che mi hanno consentito di interagire con istituzioni politiche a vari livelli nei diversi paesi dove ho portato a termine le mie imprese e con le quali, ancora oggi, mantengo cordiali e forti rapporti di collaborazione", continua.

Olbia, per Gambella, è la sua casa: la prima casa, sottolinea. "Ad Olbia, che da quasi trent’anni è la mia prima casa, la mia famiglia e la mia vita, svolgo tutt’ora attività di volontariato nel settore del pubblico soccorso, senza mai interrompere il mio supporto - anche nel pieno dell’emergenza pandemica - alla comunità sportiva e imprenditoriale del settore turistico. Esperienze, ma, soprattutto, passione e determinazione che, oggi, ho deciso di mettere a disposizione della mia città per ricambiare la preziosa ospitalità e l’affetto che mi ha sempre riservato".

Spiega l'imprenditore olbiese: "Una comunità, quella olbiese, dove il singolo cittadino deve ritornare ad essere al centro della pianificazione urbanistica, sociale ed economica. Perché, come ho imparato nella mia esperienza di vita, per centrare i miei obiettivi sportivi esociali, è fondamentale contrapporre alle decisioni solitarie l’ascolto delle esigenze delle comunità, delle singole persone e di chi, ogni giorno, lotta sul campo tra mille difficoltà.
Perché, oggi più che mai, il dialogo è fonte inestimabile di conoscenza e ispirazione nella formulazione delle scelte politiche e amministrative. Per queste ragioni, ho deciso di contribuire fattivamente allo sviluppo futuro di Olbia, mettendomi per la prima volta alla prova in una nuova avventura, quella della politica, alla carica di Consigliere Comunale, con l’obiettivo e la determinazione di offrire un bagaglio di esperienze nuove, di maturate capacità di creazione di progetti nel terzo settore e nello sport, sempre tenendo in primo piano i sani principi della giustizia sociale, della solidarietà e della partecipazione allargata.
Obiettivi che possono trovare terreno fertile nella lista Vivere Olbia che sostiene la Grande coalizione civica guidata da Augusto Navone, progetto di rinascita della città, nel quale ascolto e dialogo saranno i capisaldi del fare politica tra la gente, con la gente e per la gente".