mercoledì, 12 maggio 2021

Informazione dal 1999

Politica

Covid, Lista Civica "Vivere Olbia": casi in aumento, piano vaccinale poco chiaro ed efficiente

La Lista Civica "Vivere Olbia" annuncia nuove iniziative

Covid, Lista Civica
Covid, Lista Civica
Olbia.it

Pubblicato il 14 aprile 2021 alle 17:40

condividi articolo:

Olbia. La lista civica "Vivere Olbia" in appoggio al candidato sindaco Augusto Navone e rappresentata dal campione sportivo Francesco Gambella, Giantore Budroni, la nota travel blogger Dana Ricciu, Francesco Pileri, Fabrizio Riccardi e Giangavino Manca intervengono per annunciare alcune iniziative e prendere posizione su alcuni argomenti di stretta attualità.
"Per prima cosa ci preme sottolineare la nostra preoccupazione per la gestione della pandemia in città. I casi in aumento e un piano vaccinale poco chiaro ed efficiente. Scuole chiuse da tempo e dati sui contagi poco aggiornati" spiegano i candidati di " Vivere Olbia".

"Sarebbe utile, poi, sapere per quale motivo si è preferito utilizzare un immobile privato fuori dalla città e in una zona molto traffica e pericolosa invece di utilizzare i grandi e comodi spazi pubblici presenti in città.
La scelta, ancora non chiara, di un immobile ex concessionario di auto, sta facendo emergere i gravi problemi funzionali per una efficiente e dignitosa vaccinazione dei cittadini. Stiamo assistendo giornalmente a file di persone senza alcun riparo e senza alcuna assistenza reale per i soggetti più fragili".

"Non capiamo per quale motivo l’amministrazione pubblica non abbia messo a disposizione, come in altre città, palazzetti dello sport o il museo al centro della città. Spazi pubblici, a costo zero per la comunità, molto più fruibili e ben serviti. Un’amministrazione molto grossolana e confusionaria" Così si legge nel lungo comunicato di "Vivere Olbia". 

I candidati in merito alla gestione non chiara della pandemia e ad altri importanti argomenti di interesse collettivo intendono organizzare una serie di eventi e incontri utili ad ascoltare i cittadini di Olbia e la sua comunità.

"Viviamo un momento difficile e una campagna elettorale anomala e poco empatica. Abbiamo bisogno di Vivere la nostra città e di sentire e ascoltare la realtà di tutti i giorni. Per tale motivo cercheremo in tutti i modi di coinvolgere, anche con i social, i nostri concittadini. Tanti sono gli argomenti che meritano la massima attenzione e che devono essere affrontati con trasparenza e lungimiranza, dalla paventata cementificazione di Cala Saccaia alla gestione molto politica dell’Aspo. Per questo sollecitiamo anche un cambio di passo dell’intera grande coalizione e del nostro candidato a Sindaco".

"Auspichiamo un maggior coinvolgimento di tutti i cittadini nella formazione del programma e nelle scelte politiche da fare con coraggio e lealtà. Su questi punti non possono esserci tentennamenti e ritardi ulteriori. Abbiamo bisogno che l’intero progetto venga spiegato con maggior attenzione e unità di intenti, dove tutti vengano considerati allo stesso modo. Per tale motivo ci facciamo parte attiva affinchè ciò accada nonostante la situazione generale. Olbia ha bisogno di un Sindaco che sappia ascoltare e gestire tutte le varie anime e sensibilità della città. Olbia ha bisogno di un Sindaco che non decida in solitario e sappia cogliere le diversità come punti di forza e non come elementi di disturbo".

"Olbia ha bisogno di una coalizione forte, unita da un chiaro programma e da idee condivise e partecipate. Olbia ha bisogno di una coalizione che non ripercorra errori già visti e valutazioni politiche vecchie e di gestione del solito potere fino a se stesso. Olbia ha bisogno di una Giunta che rispecchi tutto questo con una comunicazione più puntuale e presente.
Vivere Olbia questo auspica e per tale motivo lavorerà.
Da qui ad ottobre tutti questi punti principali dovranno essere attuati per rendere la politica non una cosa lontana dai cittadini e per pochi ma un mezzo per risolvere con trasparenza e legalità i problemi dei cittadini". Così concludono i candidati della Lista Civica "Vivere Olbia".