Da 462 giorni 14 ore 28 minuti 57 secondi questa testata è stata 'censurata' dal sindaco Nizzi per aver consultato i cittadini. Ecco i dettagli, o leggi le notizie secondo LUI.

Spesati orizzontale
Olbia Calcio

Calcio. Olbia sconfitta con onore dal Livorno

La cronaca della partita

Parco Porto Conte

Olbia, 20 novembre 2017 – Battuti, ma con la schiena dritta e a testa altissima. L’Olbia gioca una partita di testa e cuore al “Picchi”, uscendo sconfitta per 2-1 al termine di una battaglia giocata alla pari contro il Livorno. I bianchi hanno spaventato la capolista, rischiando raramente in difesa, gestendo con maturità il possesso palla e offendendo con pericolosità e imprevedibilità la retroguardia amaranto. Una prova maiuscola che impreziosisce il percorso di crescita della squadra, malgrado il risultato finale non premi i ragazzi di Mereu per quanto avrebbero meritato.

PRIMO TEMPO. La partenza non è certo di quelle forsennate. Le due squadre si studiano, manovrano, ma non affondano e il primo quarto d’ora è tutto appannaggio della più classica delle fasi di studio. A interrompere la riflessione bipartisan ci pensa Maiorino, che al 18’ incorna in area un cross di Valiani mandando alto. Il Livorno aumenta i giri sui motori laterali con Franco e Doumbia, ma le imbucate delle ali amaranto trovano sempre attente la retroguardia olbiese, che brilla per personalità e pulizia con gli interventi di Leverbe e Dametto. L’Olbia è tutt’altro che intimorita e lo dimostra subito con Piredda, che al 21’ raccoglie al limite e calcia di sinistro non trovando lo specchio. I bianchi giocano e attendono, dosando in maniera sapiente la leva del gas. Al 34’ Biancu va vicino al gol dopo un gran lavoro di Ogunseye, poi al 39’ Leverbe si sgancia in contropiede e il pallone, passato per i piedi di Ogunseye prima e Ragatzu poi, torna al transalpino che, accompagnata l’azione, di testa insacca l’assist del numero dieci portando l’Olbia in vantaggio. Il gol galvanizza i bianchi, ma stimola anche la reazione labronica che, sul finire di frazione, si concretizza sulla destra: Aresti salva con una grande parata su Vantaggiato ma nulla può sul tap-in di Valiani. E si va al riposo sull’1-1.

Morostesa 2019

SECONDO TEMPO. Nella ripresa l’equilibrio continua a regnare sovrano. La squadra di Sottil attacca con i suoi quattro tenori, l’Olbia si oppone con ordine e solidità e tesse la sua fitta ragnatela di passaggi e ricerca della profondità. Al 54′ arriva lo squillo di Piredda che calcia col mancino trovando un Mazzoni attento in accartocciamento. Murilo, per il Livorno, risponde con un diagonale fuori misura al 59′, di fatto l’unica conclusione verso la porta dei padroni di casa che cercano in maniera confusa di rompere le maglie biancolbiesi. Ragatzu è una costante spina nel fianco sulla sinistra e, con Piredda, confeziona i pericoli maggiori. Al 74′ proprio Piredda si beve l’avversario in un fazzoletto di terra e crossa con potenza verso il centro trovando la respinta di Gasbarro. Nelle battute finali il Livorno, spinto dalla forza dei 6000 del “Picchi”, ci prova con più insistenza e, con una buona dose di fortuna, passa. All’80’ Aresti è prodigioso sul tiro ravvicinato del venezuelano Ponce, che, cinque minuti dopo, impatta un traversone dalla sinistra con la pancia mandando la palla in rete: 2-1. Nei concitati minuti finali l’Olbia si riversa in attacco per riprendersi quanto guadagnato con merito ma, malgrado il Livorno venga messo alle corde, non riesce a tradurre in pareggio il tiro di Pinna alto sulla traversa, un calcio di rigore non concesso dopo un atterramento di Ragatzu in area e un’incredibile serie di rimpalli e tentativi aerei a porta sguarnita nell’ultimo giro di lancette del recupero.

È stato un pomeriggio di grande calcio, in uno stadio e con un pubblico che ha dimostrato di valere ben altre categorie. Impreziosito dalla presenza di una encomiabile rappresentanza olbiese, che ha spinto, senza sosta, i bianchi verso la ricerca della grande impresa. Per quanto fatto vedere in campo, a Dametto e compagni, non possono che andare dei convinti applausi. Fragorosi quanto quelli che il “Picchi” ha tributato ai tifosi bianchi nel momento in cui sono stati esposti due striscioni in ricordo delle alluvioni che hanno colpito le due città a distanza di circa quattro anni l’una dall’altra.

Livorno-Olbia, oggi, è stata anche questa bella e toccante pagina di solidarietà.

TABELLINO
Livorno-Olbia | 15ª giornata

LIVORNO: Mazzoni, Morelli (75’ Pedrelli), Gonnelli, Gasbarro, Franco, Luci, Giandonato (66’ Montini), Doumbia (56’ Murilo), Maiorino (56’ Perez), Valiani, Vantaggiato (75’ Ponce). A disp.: Pulidori, Borghese, Hadziosmanovic, Marchi, Pedrelli, Zhikov, Baumgartner, Gemmi, Montini, Ponce. All.: Andrea Sottil
OLBIA: Aresti, Pinna, Dametto, Leverbe (81’ Iotti), Cotali, Feola, Muroni, Piredda, Biancu (62’ Senesi), Ragatzu, Ogunseye. A disp.: Van der Want, Idrissi, Manca, Pisano, Pennington, Marongiu, Vispo, Arras. All.: Bernardo Mereu
ARBITRO: Fabio Schirru di Nichelino. Assistenti: Francesco Biava (Vercelli) e Salvatore Marco Dibenedetto (Barletta)
MARCATORI: 39’ Leverbe (O), 45’ Valiani, 84’ Ponce
AMMONITI: 42’ Cotali (O), 44’ Luci (L), 64’ Giandonato (L), 71’ Valiani (L), 74’ Leverbe (O), 89’ Montini (L)
NOTE: Spettatori: 5789. Recupero: 1’ pt, 5’ st

Prink 1400
Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia 1540
Phone Doctor riparazione smartphone tablet olbia sardegna via mameli damasco assistenza vendita
Commenti


Virali

Morostesa
In Alto