Da 661 giorni 1 ora 58 minuti 4 secondi questa testata è stata 'censurata' dal sindaco Nizzi per aver consultato i cittadini. Ecco i dettagli, o leggi le notizie secondo LUI.

Sardinia Ferries
Olbia Calcio

Calcio: amara prima sconfitta in casa per i bianchi

Villaggio di Natale Golfo Aranci 2019

Olbia, 16 settembre 2019-  Amara prima sconfitta in casa per i bianchi di Mister Filippi. L’Olbia cede per 3-0 a una forte e solida Alessandria. La squadra padrona di casa ce l’ha messa tutta e non si è risparmiata. Davanti, però, ha trovato un avversario forte e concentrato che ha chiuso qualsiasi linea e varco e che non ha commesso errori di sorta. 

A pesare,  senza dubbio due reti subite a freddo dalla suqadra passata in svantaggio dopo 4’ di gioco e capitolata nuovamente dopo nemmeno 120 secondi di gioco della ripresa. 

Morostesa 2019

Due docce gelate per un’Olbia che ha provato in tutti i modo a scardinare il perfetto meccanismo messo in campo al Nespoli dal tecnico ospite Scazzola. La manovra dei bianchi nulla ha potuto contro una muraglia grigia apparsa impenetrabile e sorretta da pilastri della levatura di Valentini, Cosenza, Gazzi ed Eusepi.

La cronaca, gol a parte, è stata scarna di avvenimenti e momenti salienti. Le occasioni hanno scarseggiato da una parte e dall’altra ed è venuta fuori una gara scorbutica e spezzettata, ben poco propensa a regalare fiammate e spettacolo. A sbloccare il match è stato Arrighini con un colpo di testa infilatosi sotto la traversa. Il raddoppio, invece, è stato l’epilogo di un episodio sfortunato che ha visto la palla colpire Dalla Bernardina prima di superare la linea di porta. Il 3-0, infine, è arrivato su calcio di rigore trasformato da Akammadu nei minuti di recupero. 

È dunque arrivata una sconfitta, certamente più larga di quanto il campo non abbia detto, ma pur sempre una lezione da studiare e metabolizzare. Senza fare drammi, perché questa Olbia è già pronta a ripartire. 

TABELLINO
Olbia-Alessandria 0-3 | 4ª giornata

OLBIA: Van der Want, Pisano, La Rosa, Della Bernardina, Pitzalis, Lella (89’ Miceli), Muroni (56’ Manca), Biancu (77’ Verde), Vallocchia, Doratiotto (56’ Parigi), Ogunseye. A disp.: Barone, Crosta, Mastino, Zugaro, Belloni, Bah, Pennington, Demarcus. All.: Michele Filippi. 
ALESSANDRIA: Valentini, Dossena, Cosenza, Prestia, Casarini, Cambiaso (72’ Sciacca), Suljic, Gazzi, Celia, Arrighini (81’ Sartore), Eusepi (72’ Akammadu). A disp.: Crisanto, Chiarello, Gilli, Castellano, Gjura, Cleur. All.: Cristiano Scazzola.
ARBITRO: Luca Zucchetti di Foligno. Assistenti: Davide Conti e Stefano Galimberti di Seregno.
MARCATORI: 4’ Arrighini, 47’ aut. Dalla Bernardina, 93’ Akammadu
AMMONITI: 50’ Eusepi, 62’ Casarini, 66’ Cambiaso, 88’ Pisano (O)
NOTE: Recupero: 2’ pt, 4’ st. Spettatori: 893. Prima della gara è stato osservato un minuto di silenzio in memoria di Salvatore Guspini.

 

Ieri Mister Filippi ha commentato a caldo la prestazione dei suoi ragazzi nella sala stampa del Nespoli: “Oggi ci siamo misurati contro una grande squadra, uno delle favorite di questo girone e queste sono partite che puoi portare a casa se non commetti errori. Così non è stato e per di più abbiamo subito le reti in momenti chiave di una gara che complessivamente è stata equilibrata“.

Il tecnico entra quindi nello specifico: “Sapevamo che la gara poteva essere decisa da mezze palle e che loro avevamo i giocatori in grado di capitalizzarle. Dopo l’1-0 la squadra ha reagito nella maniera giusta creando i presupposti per andare al tiro. Davanti però avevamo una squadra solida, attenta e con una linea difensiva bassa che è riuscita a limitarci ed è giusto riconoscere i meriti di chi ha vinto. Qualcosa da rimproverare? Sicuramente il modo in cui la squadra ha giocato gli ultimi 25′ perché abbiamo smesso di essere noi stessi“.

Non è tuttavia il caso di fare drammi: “Partite come questa fanno inevitabilmente parte del nostro percorso di crescita. Scendiamo in campo per provare a vincere tutte le partite, ma non sempre è e sarà possibile. Ripartiamo come sempre, con serenità e lucidità, mettendo al centro di tutto la cultura del lavoro che questo gruppo ha interiorizzato nel migliore dei modi“. 

Sulla stessa lunghezza d’onda, Nunzio Lella: “È stata una partita difficile, avevo di fronte un avversario davvero tosto. Abbiamo dato il massimo, purtroppo non è bastato. L’Alessandria è una grande squadra con una grande difesa che ha saputo chiuderci tutti gli spazi e le linee di passaggio. Dobbiamo subito pensare alla prossima sfida con il Renate, sappiamo di essere una squadra di valore che saprà fare tesoro anche di questo ko“. 

Prink 1400
Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia 1540
Phone Doctor riparazione smartphone tablet olbia sardegna via mameli damasco assistenza vendita
Commenti


Virali

Morostesa
In Alto