Da 217 giorni 7 ore 14 minuti 42 secondi questa testata è stata 'censurata' dal sindaco Nizzi per aver consultato i cittadini. Ecco i dettagli.

Spesati orizzontale
Cronaca Gallura

La Maddalena: sequestrata barca-pizzeria con maxi multa

Prink 1400

La Maddalena, 10 luglio 2018 – Continua l’attività di polizia marittima della Guardia Costiera finalizzata a garantire la salvaguardia della sicurezza della navigazione, della pubblica incolumità e la tutela della legalità in mare e sulle spiagge. L’ultima operazione ha visto come protagonista una barca-pizzeria.

Nella giornata di sabato 07 luglio, nell’ambito delle attività di controllo svolte in mare, è stata fermata una imbarcazione da diporto la quale svolgeva, senza alcuna autorizzazione e/o certificazione di sicurezza, attività commerciale abusiva connessa alla manipolazione, preparazione e somministrazione di alimenti e bevande.

In particolare, secondo la ricostruzione dei militari, nella barca-pizzeria venivano offerti in vendita pizze, focacce, insalate, fritture, piatti di frutta fresca, bibite alcoliche e non, “senza tuttavia essere in possesso delle necessarie certificazioni di sicurezza previste per l’imbarcazione e delle autorizzazioni/permessi rilasciati dagli organi competenti per lo svolgimento di tale attività commerciale“, spiega il comunicato.

Gravi, secondo la Guardia Costiera, sarebbero state le mancanze connesse agli aspetti relativi alla sicurezza della navigazione. “Il proprietario aveva infatti fatto installare un forno industriale per pizze, capace di raggiungere temperature vicine ai 400° C, con canna fumaria e tubazioni collegate a diverse bombole di gas posizionate liberamente sul ponte di coperta, apportando di fatto sostanziali modifiche alle caratteristiche dell’imbarcazione ma in assenza delle certificazioni di sicurezza previste, stante anche la presenza di materiale di natura pericolosa ed infiammabile“, si legge nella nota stampa della Guardia Costiera.

L’attività di vendita di pizze in mare, sempre secondo i militari, sarebbe stata “ampiamente pubblicizzata sia mediante volantini che venivano distribuiti ai diportisti in sosta nelle varie cale e baie dell’Arcipelago, sia mediante pubblicità diretta sulle fiancate dell’imbarcazione nonché tramite specifica pagina internet sui principali canali social“.

“In considerazione della presenza di notevoli carenze connesse alla sicurezza della navigazione l’unità è stata posta sotto sequestro elevando contestualmente diverse sanzioni amministrative per un importo complessivo superiore ai 5000 euro“, concludono i militari.

morostesa abbigliamento olbia made in italy prima pagina
Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia 1540
Solarsi bollette fotovoltaico olbia acconto zero
Idea Service Noleggiare auto olbia cagliari noleggio lungo termine mezzi commerciali aeroporto
Commenti


Virali

Solarsì 1400
In Alto