Da 1012 giorni 21 ore 41 minuti 23 secondi questa testata è stata 'censurata' dal sindaco Nizzi per aver consultato i cittadini. Ecco i dettagli, o leggi le notizie secondo LUI.

Geasar winter 2020 1400
Cronaca Gallura

Accise sulla benzina: la Sardegna non potrà incassarle

DoubleTree by Hilton hotel ristorante Olbia 1400

Cagliari, 13 Marzo 2015 –  La Corte Costituzionale ha accolto il ricorso del Governo contro l’articolo della Finanziaria nazionale che avrebbe garantito alla Sardegna di incamerare le accise sui carburanti prodotti nell’Isola, e dunque avere un miliardo di euro in più l’anno. Una decisione pressoché scontata visto che la Giunta Pigliaru, sempre più nemica dei sardi, ha deciso di non opporsi al ricorso: la Consulta non ha potuto far altro che prendere atto della posizione del Governo, dato che la Giunta non presentandosi ha avallato la posizione di Renzi.

Noi non ci fermiamo – dice il coordinatore regionale dei Riformatori sardi, Michele Cossaanche perché stiamo parlando di soldi dei sardi che devono restare in Sardegna. Tema ancora più importante nel momento in cui da quest’anno per la Sardegna viene meno il patto di stabilità e la Regione può spendere tutti i soldi di cui dispone. Peccato che, a conti fatti, si stava forse meglio quando c’era il patto e per riuscire a fare qualche infrastruttura la Regione ha deciso di contrarre un mutuo di 700 milioni di euro”.

Spesati article offerte 300

Ecco perché, dice ancora il coordinatore regionale dei Riformatori, “i nostri legali hanno già predisposto il ricorso alla Corte Europea che sarà presentato nei prossimi giorni”.

Cossa (costituitosi in giudizio assieme ad Attilio Dedoni) ricorda che solo i Riformatori hanno provato, come estremo tentativo, a chiedere alla Consulta di essere loro a rappresentare i sardi al posto dei disertori Pigliaru e Paci. “Purtroppo il nostro tentativo non andato a buon fine ma – dice ancora Cossanon c’era altra strada e abbiamo tentato il tutto per tutto”.

Pigliaru e Paci, attacca Cossa, “stanno definitivamente uccidendo l’economia della Sardegna, complici di un governo nazionale che sta dimostrando, nei fatti, di essere nemico della nostra Isola. Siamo pronti a una grande manifestazione a Lussemburgo, presso la sede della Corte, per difendere anche in Europa i diritti del popolo sardo”.

Studio Dentistico Satta orizzontale
Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia 1540
Commenti

Virali

In Alto