Connect
To Top

Corsica Sardinia Ferries Elba navi gialle golfo aranci sardegna olbia


ottimax brico olbia Natale 2017 Dicembre volantino
Christmas park babbo Natale Golfo Aranci capodanno epifania

Regione, progetto”Dopo di noi”: stanziati quasi 4 milioni di euro

I destinatari degli interventi saranno individuati, prioritariamente, tra le persone con disabilità grave.

Olbia,  25 Novembre 2017 – Con quasi quattro milioni di euro la Regione darà avvio agli interventi della legge sul “Dopo di noi“, che prevede un supporto a favore delle persone con disabilità grave e prive di sostegno familiare.La Giunta ha accolto la proposta dell’assessore della Sanità, Luigi Arru, e approvato il programma attuativo valutato positivamente dal Ministero del Lavoro. Quasi un anno fa il Ministero del Welfare ha definito i requisiti per l’accesso alle misure di assistenza, cura e protezione e ripartito le risorse del Fondo per l’assistenza alle persone con disabilità grave prive di sostegno familiare: la Sardegna ha avuto due milioni 610 mila euro per il 2016 e, successivamente, un milione 110 mila euro per quest’anno.

“Dal 2007 – ricorda l’assessore Arru – la Regione porta avanti politiche innovative per sviluppare la domiciliarità dei servizi alla persona fragile, attraverso il sostegno di una rete organizzata di servizi sociali e sanitari. Nel dare applicazione alla legge sul Dopo di noi, quindi, la Sardegna parte da un contesto già avviato: gli interventi previsti dal decreto attuativo della Legge dovranno armonizzarsi con quelli esistenti, non potranno che essere aggiuntivi e non sostitutivi”. L’obiettivo principale è quello di promuovere, su tutto il territorio regionale, la realizzazione di progetti e servizi necessari allo sviluppo di modalità di vita indipendente e di soluzioni abitative autonome, attraverso un sistema diffuso e articolato di servizi e interventi per l’accompagnamento e l’uscita dal nucleo familiare di origine.

 I destinatari degli interventi saranno individuati, prioritariamente, tra le persone con disabilità grave e mancanti di entrambi i genitori, del tutto prive di risorse economiche e patrimoniali; tra le persone con disabilità grave i cui genitori – per ragioni connesse soprattutto all’età o alla propria situazione di disabilità – non riescono più a garantire loro, nel futuro prossimo, il sostegno necessario a una vita dignitosa; tra le persone inserite in strutture residenziali dalle caratteristiche molto lontane da quelle che riproducono le condizioni abitative e relazionali della casa familiare.

 L’accesso ai servizi e agli interventi dovrà avvenire previa valutazione multidimensionale che sarà effettuata dalle Unità di Valutazione Territoriali (UVT) presenti in ogni distretto socio-sanitario: questa valutazione costituirà il requisito fondamentale per garantire, al momento dell’avvio del progetto personalizzato, il rispetto del principio di equità nell’accesso ai servizi e una risposta appropriata ai bisogni manifestati, garantendo l’integrazione delle prestazioni sociali e sanitarie e assicurando un percorso assistenziale nella rete dei servizi che tenga conto soprattutto delle esigenze dell’interessato e delle condizioni familiari.

 Con la valutazione l’UVT è in grado di definire il progetto personalizzato, insieme con l’operatore sociale del Comune e con il beneficiario dell’intervento. Laddove la persona con disabilità grave non sia nella condizione di esprimere pienamente la sua volontà, dovrà essere sostenuta dai suoi genitori o da chi ne tutela gli interessi. Il progetto personalizzato individuerà, sulla base della natura del bisogno prevalente emergente nel progetto, una figura di riferimento (case manager) che ne curi la realizzazione e il monitoraggio, attraverso il coordinamento e l’attività di impulso verso i vari soggetti responsabili della sua realizzazione.

 Il progetto personalizzato, inoltre, dovrà contenere il budget che costituirà la modalità attraverso cui si impegnano le risorse e si definiscono gli obiettivi. Esso dovrà favorire, nell’ambito dell’integrazione socio sanitaria, la dinamizzazione di un mix di risorse, tra cui quelle di cui già dispongono gli individui beneficiari, e il coinvolgimento dei diversi servizi sanitari e sociali, dei soggetti privati profit e no profit, delle associazioni.  I 25 ambiti PLUS saranno soggetti programmatori e gestori per l’ambito di riferimento degli interventi, in quanto organismi deputati alla gestione unitaria del sistema locale dei servizi socio-assistenziali e socio-sanitari: le risorse saranno loro ripartite sulla base della popolazione residente in età compresa tra 18-64 anni. L’Ambito PLUS dovrà assicurare la regia e il governo degli interventi, secondo criteri improntati alla trasparenza e alla massima pubblicità, per favorire il più ampio coinvolgimento dei potenziali soggetti attuatori, rispondenti ai reali bisogni espressi dal contesto locale di riferimento, e garantire la piena integrazione tra le risorse.

 Per assicurare un’appropriata attuazione dell’intervento, sarà istituita una cabina di regia regionale, con la partecipazione dei diversi attori chiamati alla realizzazione del programma operativo: questo organismo dovrà valutare l’aderenza ai requisiti, allo spirito e ai principi della legge, di tutti gli interventi e i servizi posti del Programma nelle diverse fasi di realizzazione. Gli elementi principali su cui dovrà lavorare la cabina di regia sono lo studio epidemiologico e le analisi dei bisogni emergenti nel territorio con una prospettiva di medio e lungo periodo; la ridefinizione dei servizi e degli interventi in una logica di percorso assistenziale incentrato sui bisogni della persona e della comunità, secondo criteri di qualità e sicurezza; il monitoraggio, la raccolta e sistematizzazione dei dati al fine di avviare un’attività strutturata di monitoraggio e di valutazione; la condivisione dei risultati ai diversi livelli; l’introduzione ragionata e condivisa di eventuali correttivi; l’appropriatezza delle soluzioni offerte rispetto alla diversa tipologia di servizi.

 


Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia
Comune Loiri Porto San Paolo calendario Natale 2017 Capodanno 2018 eventi programma
ottimax brico olbia Natale 2017 Dicembre volantino

More in Cronaca Gallura

ottimax brico olbia Natale 2017 Dicembre volantino
apertura prenotazioni sardinia ferries estate 2016
ASPO trasporti olbia
CHIUDI
CLOSE