Connect
To Top

Corsica Sardinia Ferries Elba navi gialle golfo aranci sardegna olbia


ottimax volantino brico olbia febbraio offerte
Solarsi bollette fotovoltaico olbia acconto zero

Gallura. Francesco Burrai e la sua musica: un talento da scoprire

Alla scoperta di un nuovo talento

Olbia, 08 gennaio 2018 – Francesco Burrai, compositore e autore di testi, ha scritto due opere liriche ( Messa Enarmonica, per Soprano, Contralto, Tenore e Basso, 2001; Vita Prima, per Soprano,Tenore e Coro, 2010), musiche e testi per pianoforte e Soprano ( Metaphisique, 1998), musiche per orchestra d’archi ( hilosophy, 1999), musica elettronica ( Celine, 2016; The fourth way, 2002; Prana,2016), musiche e testi per dischi pop (Cosmopolita, 1997; No art no Caffè 1998; My name is not name, 2002).

Le sue musiche sono state utilizzate per la danza moderna, reading, videoclip, installazioni video e opere multimediali. Il percorso artistico è sempre stato caraterizzato dalla ricerca, dall’innovazione, dalla sperimentazione e dall’unione delle diverse forme dell’espressione artistica.

Il prossimo progetto artistico è la performance Insula Dulcamara, per sonorità sardo- moderne, canto, danza, voce recitante in Limba e composizioni real-time in proiezione di sandart.

Arcaica: opera video senza tempo né spazio, in limba.

La luce e l’energia di Cala Moresca muove la danza visionaria su musiche trascendentali, immateriali. La voce sospesa e atavica sale con le parole verso mondi arcaici.

ARCAICA

Wat Kyk jv. Coreografia e danza

Antigória

 Sun in pagos a èssere galu

duos passos pius addainanti

ruo sempre un’iscuta pius cuddae

de s’ùrtimu pensamentu tou

nudda de nou sutzedit suta de su sole

no imboles sa pèrelas a sos porcos

como m’imbergo in sos ojos tuos

pro intèndere su nch’intendes tue

solu un’orizonte solu una currente

solu unu movimentu un’essida ebbia

finghende de non bìdere

betendemi a macu

penso cosas chi àteros non pensan

e bido su chi issos non biden

intendo sonos chi issos no intenden

apo fide in bolos chi non si nde pesan

deo so in aterue, in un’àteru logu

tretu ch’isvanessit luinores in su bòidu

donz’ arresetu est s’imbesse meu

lassa su corpus tou frundiche s’iscuta

imbenta unu logu atesu dae su mundu

cumbinchedi chi tue non ses

no ischis

no as

deo no apo nudda de nàrrere

semus finas s’ abba a manzanu
basos  segados
addae dae su chelu

gasi
a costazu sa note mia
tremet sa lughe
a pagu ‘entu dae s’oriente

mi brivo de sa note comente respiru
nche nd’apat solu innoghe
chi cuddae non at a èssere
apenas pesadu dae cras

e fora unu mantu de paràulas

cumprendes solu unu s’appoi

a su sole

s’innutile lascinare

bentu mundache custas ideas

chi comente pòddines

cabulende bantzigan

abbertulada dae sa cara sua

sàbiu e càmbiat s’iscala

contra as solu ‘e nàrrere

ma su tempus at a apretare

pro imboligare in mesu de sas rigas

in s’abbolotu meu mancadu

b’at dies bundadosas

pro chie benit e duncas andat

unu caminante pius bonu colat

chissà ite l’isetat

de divessu dae me

Vanna Sanciu, traduzione in Limba e voce recitante

Traduzione

ARCAICA

sono in pochi ad essere ancora

due passi più avanti

cado sempre un’ istante più in là

del tuo ultimo pensiero

nulla di nuovo accade sotto il sole

non gettare perle ai porci

ora mi immergo dentro i tuoi occhi

per sentire ciò che senti

my name is not name

solo un’ orizzonte solo una corrente

un solo movimento una sola via di uscita

fare finta di non vedere

fare finta di non capire

penso ciò che non pensano

vedo cose che non vedono

sento arie che non sentono

credo in voli che non s’alzano

convinciti che tu

non sei

non sai

siamo pure albe al mattino

baci infranti

oltre il cielo

cosi, affianco la mia notte

trema la luce

e poco vento da est

mi privo della notte che mi tocca

come certamente respiro

comprendi solo uno

il seguito, al sole

l’inutile scivolare

vento spazza queste idee

che come pollini

scomparendo oscillano

coinvolta dal suo volto

come preso da ritmo

saggio e cambia la scalo

contro hai solo dire

ma il tempo accelererà

perché illuda tra le righe

nel mio mancato rumore

ci sono giorni abbondanti

per colui  che viene e quindi va

un passante migliore passa

chissà  che cosa lo aspetta

di diverso da me

Francesco Burrai

Francesco Burrai, nato da genitori sardi,  è rientrato recentemente in Sardegna, dove risiede con la sua famiglia. Il ritorno nell’isola, dopo tanti anni vissuti a Bologna, città nella quale è avvenuta principalmente la sua formazione, ha ispirato la sua ultima opera, ancora in fase di elaborazione: “Insula Dulcamara”. Francesco desiderava che tutti i testi del suo ultimo lavoro fossero  tradotti in Limba, ma lui non parla il sardo.  Il destino, guidato dalla mano di una nostra comune amica,  ci ha fatto incontrare e sono stata ben felice di tradurre tutti i testi della sua ultima opera.

 


Solarsi bollette fotovoltaico olbia acconto zero
Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia
ottimax volantino brico olbia febbraio offerte

More in OLBIAchefu

ottimax volantino brico olbia febbraio offerte
apertura prenotazioni sardinia ferries estate 2016
ASPO trasporti olbia
CHIUDI
CLOSE